1

Il portiere della Juventus Gigi Buffon ha parlato in esclusiva ai microfoni di Sky Sport HD, nel post partita di Lazio-Juventus.

 

Perché andare a salutare i tifosi avversari?

Non siamo abituati, non capita mai, ma in tutti questi anni devo dire che i tifosi della Lazio nei miei confronti hanno sempre avuto un grande rispetto e ogni volta che vengo  qui mi sembra giusto andare a salutarli perché se lo meritano e li stimo tanto.

A più 11 voi non direte mai scudetto, ma stasera?

Abbiamo fatto un grandissimo passo in avanti, siamo stati bravi perché non era semplice, al di là delle loro importanti defezioni che ci hanno sicuramente agevolato. È stata una settimana un po’ particolare, nella quale dovevamo gestire una eliminazione giusta, ma anche per certi versi che ci ha un po’ sorpreso nel modo perentorio con cui è venuta fuori, ma siamo stati bravi.

Adesso mancano 7 punti, ma credo che se dovessimo raggiungere questo traguardo tra tre o quattro domeniche sarebbe ugualmente una gran bella impresa perché significherebbe dare continuità a quello che è successo l’anno scorso. Poi, quest’anno siamo partiti in testa alla classifica alla prima giornata e, pur soffrendo in alcuni momenti, siamo sempre rimasti lì e questo è un segnale di consapevolezza di saper soffrire e sapere quello che si vuole.

Sarebbe bello per te sollevare una coppa da capitano.

Io  non vivo per quello, vivo per poter soffrire insieme ai miei tifosi, ai miei compagni, all’allenatore, a tutta la società. Mi stimano tanto e spero di poter essere un capitano onorevole fino a quando giocherò con la Juve.