22
Tutto sommato la parentesi per le nazionali può essere archiviata con il sorriso in casa Juve. Un po' perché in tanto sono tornati alla Continassa rigenerati nello spirito, vedi Arthur, Adrien Rabiot o il chiacchieratissimo Federico Bernardeschi, anche se quasi tutti hanno comunque lanciato segnali positivi. Un po' perché Cristiano Ronaldo può riprendersi il posto nell'attacco bianconero con 225 minuti in più nelle gambe e più rabbia che mai. Il fuoriclasse portoghese infatti è riuscito a giocare senza accusare alcun fastidio al piede destro maltrattato contro la Lazio, disputando due partite e mezzo fondamentali per ritrovare la condizione. Ma anche due prestazioni contro Francia e Croazia al di sotto delle aspettative, con il solo gol rifilato all'Andorra in amichevole ad aver mosso il contatore di CR7. Quanto basta per capire che Ronaldo già da Juventus-Cagliari vorrà ritrovare l'appuntamento con il gol in ogni modo possibile, anche per riprendere la rincorsa verso nuovi record.
ALTRI RECORD – Una rete contro il Cagliari, prima di tutto, gli permetterebbe di scrivere una nuova piccola pagina della storia juventina: fin qui Ronaldo ha segnato in tutte e quattro le sue prime presenze in campionato (come Paulo Dybala nel 2017), una rete sabato sera lo renderebbe il primo bianconero nell'era dei tre punti ad allungare la striscia iniziale a cinque partite. C'è poi il duello con Robert Lewandowski da vincere: con 27 gol in campionato è il miglior marcatore del 2020 in Europa, uno più del polacco, che invece domina allargando il discorso a tutte le competizioni. E poi, dopo aver raggiunto Ferenc Puskas e Romario a quota 746 (al netto di errori nei conteggi storici), ora c'è Pelé nel suo mirino. Con 761 gol in carriera, O Rei, è ormai a portata di mano di Ronaldo che medita l'aggancio già in questa stagione. Mentre per arrivare al trono di Josef Bican servirà almeno un altro anno, distante com'è 59 reti a quota 805. Resta però solo una questione di tempo. E tutta quella fame che gli è rimasta dopo le ultime prove con la maglia del Portogallo, forse rappresenta la miglior notizia possibile per la Juve.