Un caso esploso, deflagrato e che ora sta lasciando anche importanti scorie. La Joya Paulo Dybala non brilla più, è stato retrocesso a ruolo di "cucitore di gioco", allontanato dalla porta e distante anni luce dall'essere decisivo per sé e per la Juventus. I 90 minuti in campo nella sconfitta contro la Spal, che non ha concesso ai bianconeri di festeggiare lo scudetto, sono la certificazione che fra l'attaccante argentino e Massimiliano Allegri (che ha scelto di risparmiare Moise Kean e non lui in ottica Champions) il rapporto non è più sanabile e che, a fine stagione, una decisione dovrà giocoforza essere presa.

INCONTRO CON LA JUVE - La dirigenza bianconera è per ora compatta nel non volere distrazioni su quello che è, oggi, l'obiettivo più importante: la Champions League. Il passaggio del turno con l'Ajax ha la priorità su qualsiasi malumore interno e solo a fine aprile, inizio maggio, verrà fatta una riunione per stabilire se e come affrontare la questione Dybala. 

CHIEDERÀ L'ADDIO - Un incontro per cui però c'è già una linea guida ben definita. A dettarla è proprio la Joya convinto che con Allegri non possa più continuare. Se a fine stagione l'allenatore toscano sarà confermato ancora sulla panchina bianconera allora Dybala chiederà la cessione. Viceversa se Allegri deciderà di abbandonare allora la punta non avrà alcun problema a proseguire la sua avventura in bianconero. LE CIFRE - Una cessione che la Juventus vorrebbe evitare ma, un po' come successo già nella gestione Marotta, non sarà negata se Dybala la chiederà. Non a qualunque prezzo però, perché nonostante i malumori e un rendimento tutt'altro che positivo, per la Juventus l'argentino rappresenta ancora un asset economico importantissimo. Per questo, per un eventuale addio, non saranno ascoltato offerte inferiori a 80-100 milioni di euro.

MA CHI LO VUOLE? - Cifre importanti che, proprio per il rendimento che sta avendo in stagione, sono ritenute da tutte le pretendenti fuori mercato. L'Atletico Madrid è il club più attivo per sostituire l'eventuale addio di Antoine Griezmann e anche il Bayern Monaco, pronto a rifondare la propria rosa in estate sta monitorando la situazione senza però presentare neanche una proposta di acquisto. E allora il caso più scabroso di casa Juve potrebbe davvero sposarsi al meglio con quello di casa Inter. Giochi a incastro di bilancio con i nerazzurri per Mauro Icardi sono e restano possibili, ma a frenare l'affare potrebbe essere ancora una volta Dybala. Non tanto per la volontà di non vestire il nerazzurro quanto per il ricco stipendio percepito in bianconero che difficilmente l'Inter potrà garantirgli. E allora? Il caso resta aperto e di difficile risoluzione. Dybala contro Allegri, ne resterà (in bianconero) soltanto uno.