204
C'è una Juve con Ronaldo e una senza Ronaldo. E quello lo si è visto in campo e in campionato: senza CR7 si fatica, con CR7 è un po' più semplice. E poi ci sono i progetti futuri, coi quali fare i conti. E anche lì si passa, per forza di cose, dal fuoriclasse portoghese: c'è un mercato con Ronaldo e un mercato senza Ronaldo. Uno per puntellare una rosa che sta mostrando tutti i suoi limiti, l'altro per rivoluzionare cercando altri big. E tra gli obiettivi primari c'è assolutamente un attaccante. 

CON RONALDO - Con la conferma di Ronaldo, e dei suoi 31 milioni netti a stagione, arriverà, secondo Tuttosport, il prolungamento del prestito di Alvaro Morata (altri 10 milioni da versare nelle casse dell'Atletico Madrid) e un attaccante forte ma con uno stipendio sostenibile, con l'identikit che porta a Marsiglia: Arkadiusz Milik. L'ex Napoli, corteggiato a lungo dalla Juve, sta facendo bene all'OM (4 gol in 7 partite) e può essere un rinforzo tutto sommato low cost per l'attacco. 
SENZA RONALDO - Senza Cristiano Ronaldo, invece, sul quale c'è il Real Madrid, si possono aprire scenari decisamente interessanti. Il nome principale è quello di Mauro Icardi, centravanti del Paris Saint-Germain, chiuso da Moise Kean (altro pallino di Pirlo, di proprietà dell'Everton e sul quale il Psg non ha diritto di riscatto), già cercato dalla Vecchia Signora in passato; l'alternativa non ha costo in termini di cartellino ma ha un ingaggio in doppia cifra, Sergio Aguero: il Kun si svincolerà dal City in estate, su di lui c'è anche il Barcellona dell'amico Messi, e rappresenta un'importante occasione di mercato. Con Ronaldo il suo ingaggio non sarebbe sostenibile, senza invece... Insomma, in campo e fuori la Juve dipende da Ronaldo. Sì, anche sul mercato.