Una scelta è stata fatta, un'altra è ancora da prendere e cambierà il futuro, le scelte e i progetti della Juventus per i prossimi anni. Massimiliano Allegri chiuderà la stagione, ma dopo il triplice fischio di Sampdoria-Juventus del 26 maggio, non sarà più l'allenatore bianconero ponendo la parola fine a un ciclo durato ben 5 anni.

TRE STRADE - Le fitte riunioni fra l'allenatore e la dirigenza del club bianconero hanno portato alla rottura con Allegri e, a partire da questo, sono iniziati i ragionamenti su quello che sarà il suo sostituto. Tre sono le strade percorribili e da queste si diramano molteplici possibili alternative. La prima parla di rottura totale con un allenatore dalle caratteristiche estremamente spregiudicate. La seconda si infila sul filone tracciato da Allegri, con un tecnico che conosca bene la Serie A e si affidi all'equilibrio tattico e alla fantasia dei singoli. Infine la terza squadra si infila a metà fra le due opzioni, con un allenatore che riprenda il filo tracciato da Allegri, ma con una nota di imprevedibilità in più.. 

CHI AL SUO POSTO? - Tanti sono i profili ancora in corsa per il dopo Allegri. Da Mauricio Pochettino, che ha già annunciato l'addio al Tottenham passando per Didier Deschamps (su cui però c'è la pressione della federcalcio francese) e il duo Simone Inzaghi e Maurizio Sarri, non certi della permanenza con Lazio e Chelsea. Ma anche Sinisa Mihajlovic, più volte vicino ai bianconeri, e i nomi contesi con l'Inter che vedono la suggestione Antonio Conte (promesso sposo dei nerazzurri) e José Mourinho (che ai nerazzurri continua a giurare amore eterno). 


E VOI? CHI VORRESTE PER IL DOPO-ALLEGRI? DITECELO VOTANDO QUI AL NOSTRO SONDAGGIO