Grana per la Juve. O forse è meglio dire blau-grana. Matthijs de Ligt ha preso la sua decisione, dopo un lungo periodo di riflessione ha scelto di scartare le offerte di Juventus, Liverpool e Bayern Monaco per accogliere la proposta del Barcellona. Non chiudiamo ancora la porta bianconera, i soldi in ballo sono tanti e con Mino Raiola, che cura gli interessi del difensore dell'Ajax, può succedere l'imprevedibile, ma se quello che scrivono oggi i principali catalani fosse confermato da posizioni ufficiali, il talento classe 1999 la prossima stagione giocherà accanto a Messi.

SI' LO VOGLIO - Dalle parti del Camp Nou sono certi del sì di de Ligt, arrivato a fine febbraio. Per l'olandese non sarebbe un problema sbarcare in una squadra che ha già in rosa Lenglet, Umtiti e Piqué, più Todibo, preso a gennaio dal Tolosa, è pronto ad accettare la concorrenza e mettersi in gioco. Il Barcellona puntano tutto sul "sì lo voglio" del giocatore, i contatti con Raiola sono continui così come quelli con l'Ajax, con il quale i rapporti sono ottimi (leggi alla voce de Jong), l'idea è quella di accelerare entro il prossimo mese, per evitare spiacevoli sorprese. Ma aspettate a dare per chiuso l'affare. NIENTE FOLLIE - Bartomeu è uomo di calcio navigato, non si fida del rilancio della Juve e ha dato mandato alla sua squadra mercato di arrivare prima possibile alla fumata bianca, non è però disposto a fare follie. L'imput è chiaro, l'acquisto di de Ligt è considerato strategico, ma se l'entourage del giocatore e il club olandese dovessero sparare cifre fuori mercato il Barcellona è pronto a fare un passo avanti.