28
Per certi versi, entro il 30 giugno è come se si fosse svolta una sessione supplementare del calciomercato. Data “x” per tante, tantissime società. Anche per la Juve. Ora che però il 30 giugno è alle spalle, ora che l'inizio di settembre e con esso l'apertura del mercato sono ancora lontani nel tempo, alla Continassa si può tornare a mettere in cima alla lista delle priorità un nome piuttosto noto: quello di Paulo Dybala. Già, perché se il lockdown e il ciclone coronavirus hanno rallentato la trattativa che doveva entrare nel vivo già tra marzo e aprile, se poi a giugno l'agenda di Fabio Paratici non poteva che avere altre scadenze e altri obiettivi cerchiati in rosso, ora non c'è più nulla che possa superare nella scala delle priorità il rinnovo di Dybala. 

SUBITO NEL VIVO - Contatti sempre vivi, fin da fine 2019. Ripresi a distanza. E ora la trattativa è già entrata nel vivo. D'altronde di tempo da perdere non ce n'è più. Il contratto di Dybala ha la scadenza al 30 giugno 2022, però la volontà di tutte le parti in causa è quella di sistemare la pratica già tra luglio e agosto, almeno per quel che riguarda l'accordo. Andando a chiudere un cerchio aperto con una guerra interna come quella della scorsa estate. Adesso regna la pace, Dybala è sempre più al centro del progetto, dove si è messo in autonomia. Sempre più determinato e determinante. Sempre più simbolo della Juve di oggi e domani. Sempre più forte anche al tavolo delle trattative. Che archiviata la chiusura del bilancio è già ripartita con grande slancio. 
LE CIFRE - Contatti ieri, contatti oggi. Mentre Dybala si godeva una giornata sul lago di Como con la sua fidanzata Oriana Sabatini, ci pensava Jorge Antun a portare avanti le discussioni con la dirigenza bianconera. E sarà un contratto che porterà la Joya al vertice dei giocatori più pagati della Juve, eccezion fatta per CR7 si intende. Il suo ingaggio dovrà pareggiare o superare quello di Matthjis de Ligt, attualmente fissato a quota 12 milioni netti tra parte fissa e bonus. Richieste chiare, compresa quella di non voler più essere messo sull'altare del mercato, almeno non a stretto giro di posta e non nei modi di un anno fa. Si parla, si tratta, si accelera. La Juve vuole rinnovare, Dybala pure, una fumata bianca non sembra più in discussione, i tempi sono un'altra cosa. Ma il progetto è quello di chiudere tutto entro l'estate. Come se fosse l'acquisto giusto per chiudere la stagione più lunga e tormentata di sempre.