488
C'è una preoccupazione che aleggia attorno alla posizione di Paulo Dybala in casa Juve. Una, tra le tante in realtà. Ma che forse rende invendibile un giocatore che più in vendita di così non si può. Non sono solo quelle commissioni pretese e non ottenute per andare in Premier: 15 milioni, non uno di meno, che United e Tottenham non hanno voluto pagare e che la Juve non ha potuto pagare in questo momento. C'è quel nodo legato ai diritti di immagine che riduce ulteriormente il bouquet di squadre che possano acquistare Dybala in questo momento. Provando a semplificare una storia che semplice non è per nulla, si può riassumere così: aspettando gli ultimi gradi di giudizio nella causa tra la Joya e Pierpaolo Triulzi, ecco che Dybala rischia di poter passare solo a un club che accetti di acquisire solo i diritti sportivi e non quelli di immagine dell'attuale numero dieci bianconero. Motivo tra i motivi che ha fatto saltare la maxi-operazione con il Manchester United e che ha convinto il Tottenham a non accettare la svendita proposta in extremis dalla Juve.
CHI PUO' – Ma quale è il club che potrebbe accettare di effettuare un tale investimento senza acquisire anche almeno in parte i diritti di immagine di Dybala? La Juve spera che si possa riaprire in tempi brevi un canale diretto con il Paris Saint Germain o, più sullo sfondo, il Bayern Monaco per esempio. Con la consapevolezza che un club che potrebbe farlo risponde al nome dell'Inter, la stessa società con cui Fabio Paratici e Andrea Agnelli non vorrebbero essere costretti a dover concludere questa operazione. Nemmeno in cambio di Mauro Icardi. E aumentano nel frattempo anche i rumors legati a una santa alleanza in tal senso tra lo stesso Triulzi e Beppe Marotta. Si infittisce quindi il caso Dybala per la Juve, in un momento che rende particolarmente complicata l'ipotesi di una pace in tempi brevi con la Joya. Mentre si lavora per evitare che l'opzione Inter possa effettivamente essere l'unica percorribile. Un rischio che, giorno dopo giorno, appare sempre più concreto. Nonostante Dybala fin qui abbia sempre ribadito il suo "no" all'Inter.