11
Non sembrano ancora tramontare del tutto le speranze del Genoa di riportare a Pegli Mattia Perin.

Il portiere pontino, rientrato alla Juventus dopo l'anno e mezzo di prestito in Liguria, resta l'obiettivo numero uno del Grifone per la difesa dei propri pali. A fortificare la speranza rossoblù è la scarsa propensione del giocatore a vestire i panni di vice Szczesny, ruolo che inevitabilmente gli toccherebbe in caso di permanenza a Torino. 

I bianconeri, dal canto loro, non escludono l'ipotesi di salutare nuovamente Perin ma questa volta, a differenza di quanto avvenuto in passato, intendono farlo solamente a titolo definitivo. In pratica se il Genoa rivuole il suo vecchio portiere dovrà acquistarlo per intero, pagandone il cartellino non meno di 10 milioni di euro. Questa è infatti la somma che la Juve pretende per dare il via libera al 28enne di Latina. Una cifra che tuttavia i liguri ritengono eccessiva, anche alla luce del fatto che tra un anno il contratto di Perin con gli ex campioni d'Italia sarà scaduto e il ragazzo se ne andrebbe altrove da svincolato.

Ed è proprio su questo punto che il Grifone insiste nel tentativo di abbassare le pretese bianconere. Una grossa mano alle velleità rossoblù potrebbe poi darle l'eventuale arrivo a Vinovo di un nuovo portiere destinato a fare il dodicesimo. A quel punto, sistemata la questione dal punto di vista dell'organico, la Juve potrebbe anche accettare di limare la valutazione data a Perin, avvicinandolo sensibilmente al Genoa e scongiurandone la perdita a zero.