Avanti nel segno della continuità, esige Antonio Conte . Di gioco, di rendimento, di risultati. E così anche ieri, durante la seduta di lavoro mattutina fatta svolgere nello stadio comunale di Galatina, il tecnico ha curato con attenzione gli ultimi dettagli tattici studiati per avere la meglio anche sul Lecce e centrare il 17° risultato utile consecutivo. Roba da record. Porte chiuse e prove generali, con un prototipo di squadra tipo, prima di fare uno strappo alla regola (cosa accaduta anche venerdì) e concedere agli oltre 1500 tifosi assiepati fuori dall’impianto sportivo di accomodarsi sulle tribunette ed assistere ad una quindicina di minuti di partitella a campo ridotto (e pettorine mischiate...).

SOLITO COPIONE - Lontano da occhi indiscreti, comunque, Conte ha collaudato una formazione sulla falsa riga di quella che fino ad ora ha mietuto successi su successi e che, si spera, sarà «lontana parente di quella, impresentabile, che lo scorso anno perse malamente al Via del Mare», come ha dichiarato Gigi Buffon . Buffon che oggi sarà “protetto” dal solito quartetto difensivo formato da Stephan Lichtsteiner a destra, Andrea Barzagli e Leonardo Bonucci coppia centrale, Giorgio Chiellini a sinistra. A centrocampo, sempre che non si verifichino cambiamenti dell’ultimo minuto, spazio al trio delle meraviglie composto da Arturo Vidal , Andrea Pirlo e Claudio Marchisio.