146
John Elkann risponde a Maurizio Sarri. Il presidente di FCAr, a margine dell'amichevole in famiglia a Villar Perosa tra Juve A e Juve B, ha rilasciato delle dichiarazioni ai microfoni di Sky Sport, commentando le parole dell'ex tecnico di Napoli e Chelsea.

SARRI ZITTITO - "Non c'è mai stata opposizione tra vincere e giocare bene. Sono certo che Sarri lo saprà interpretare al meglio, l'importante è che si senta a casa. E' contento dell'ambiente, del mercato e degli acquisti. L'obiettivo è prima di tutto quello di vincere e noi, insieme a tifosi abbiamo tutte l'intenzione di continuare a farlo". Parole nette, che non lasciano vie di fuga. Una risposta neanche troppo nascosta allo sfogo di Sarri al termine di Juve-Atletico Madrid: "Magari abbiamo soluzioni in testa, ma se il mercato non ci viene incontro è inutile averle in testa. Gli ultimi venti giorni di mercato saranno difficili, è una situazione difficile e imbarazzante perchè rischiano di restare fuori giocatori di altissimo livello".

COSA C'E' DIETRO - La situazione di mercato in casa Juve è delicata. C'è tensione, e tanta, per tutte le situazioni che ancora devono trovare risoluzione. La rosa attualmente non soddisfa pienamente il tecnico, da qui nasce lo sfogo di pochi giorni fa. Ci sono dei tagli da fare, tanti big da piazzare: Higuain, Khedira, Matuidi, Mandzukic, oltre Dybala e Rugani. Sarri attende, impaziente. Ha partecipato con trasporto al vernissage di Villar Perosa, nonostante sia febbricitante. I tifosi gli hanno mostrato affetto, lo hanno acclamato, lui si è dato, senza compromessi, come da abitudine. Tanti autografi, qualche selfie. Poi le parole di John Elkann, una stilettata, seppur dai toni morbidi, affettati. L'intervento di Elkann ridefinisce gerarchie, oltre a possibilità e modalità di intromissione. Come le prenderà il tecnico?