399
Scoppia un nuovo caso Higuain alla Juventus, dopo le dichiarazioni di ieri del padre di Gonzalo, Jorge, a Planeta 947: “La Juve non lo vuole più? È un'invenzione. È quasi impossibile che Gonzalo giochi nel River, non rinuncerà al suo contratto per andare liberamente in una qualsiasi altra squadra. Credo che terminerà il contratto lì e poi potrà tornare al River o giocare in qualsiasi altro posto”. Sembra le riedizione di quanto avvenuto l’estate scorsa e replicato poi durante il lockdown, quando pareva che il Pipita non volesse più far ritorno a Torino dall’Argentina. Un muro contro muro, su posizioni chiarissime.

LA POSIZIONE DI HIGUAIN - Per quanto riguarda Higuain, oltre alle parole del padre ci sono di nuovo le voci circa una presunta volontà di non far ritorno dall’Argentina, non presentandosi in caso di convocazione per il ritiro pre campionato, e rumors che parlano addirittura di una volontà di ritirarsi dal calcio (a dicembre il Pipita compirà 33 anni). Dietro a tutte queste schermaglie, una verità: Higuain non vuole rinunciare a un solo centesimo del suo stipendio.
LA POSIZIONE DELLA JUVE - E qui arriviamo al vero nodo del contendere, e alla posizione della Juventus. In poche parole: il club bianconero considera l’attaccante argentino fuori dal progetto tecnico e vuole a tutti i costi liberarsi del suo pesantissimo ingaggio. Un ingaggio che a bilancio in questo esercizio pesa per 18 milioni di euro lordi (7,5 per la nuova stagione, più il residuo di 1,5 della stagione 2019-20, in base all’accordo Covid che prevedeva la restituzione di 2,5 mensilità sulle 4 alle quali i giocatori avevano rinunciato durante il lockdown). In sostanza, se Higuain rinunciasse al suo ingaggio, la Juve potrebbe anche svincolarlo, compensando la minusvalenza che si verrebbe a creare con una mancata uscita alla voce stipendi. Il problema è che, ad oggi, il giocatore non ne vuole sapere. 

ZERO OFFERTE, SOLUZIONE ALLA MANDZUKIC? - Altri club? Al momento alla Juve e ad Higuain non sono arrivate offerte, neanche dal River Plate e neanche per un’operazione tipo quella che portò Tevez dalla Juve al Boca Juniors, perché in questo caso si tratta di cifre enormi per un club argentino. Muro contro muro vero dunque, con la Juve che ha le idee chiare anche su un altro punto: evitare una soluzione alla Mandzukic, con Higuain stipendiato e fuori rosa, in attesa di soluzioni a stagione in corso. Le cifre in ballo sono diverse e le casse bianconere quest’anno non possono permetterselo.