108
La stagione è terminata e per la Juventus è ora di pensare al mercato. Oltre al capitolo riguardante Massimiliano Allegri, che merita uno spazio a parte, è il tema del nuovo direttore sportivo a tenere banco in queste ore alla Continassa. Anche perché senza un ds al posto di comando è dura pensare di impostare una campagna trasferimenti degna di questo nome. In queste ore, il predestinato Cristiano Giuntoli ha fatto filtrare il suo ottimismo circa la possibilità di liberarsi dal Napoli in un periodo compreso fra il 15 e il 30 giugno, per poi trasferirsi a Torino. La Juve, forte dell'accordo raggiunto con Giuntoli per il futuro prossimo, aspetta con fiducia, ma non può comunque permettersi di perdere minuti preziosi. 

LA SQUADRA JUVE - Ecco perché al momento, in attesa di Giuntoli, l'attuale struttura sta iniziando a occuparsi delle questioni di mercato più urgenti (ad esempio il rinnovo di Juan Cuadrado). E per attuale struttura intendiamo: Francesco Calvo direttore generale (Chief Football Officer), Giovanni Manna Direttore sportivo (che ha detto no a Pisa, Udinese e Sampdoria), Federico Cherubini cooordinatore di tutte le squadre bianconere al di sotto della prima squadra e Matteo Tognozzi capo scouting. 
SENZA I SUOI UOMINI - Quella per portare Giuntoli alla Juve a breve è una corsa contro il tempo, con Aurelio De Laurentiis ovviamente come ostacolo principale. Al di là del giorno in cui l'affare si concretizzerà, una cosa sembra ormai certa, e in questo il presidente del Napoli è riuscito comunque a mettere i bastoni fra le ruote alla Juve e al suo ds uscente: Giuntoli non arriverà alla Juventus portando in dote qualcuno dei suoi attuali collaboratori, vale a dire Giuseppe Pompilio, Maurizio Micheli, Leonardo Mantovani e Nicolò De Cobelli. Se qualcuno di loro dovesse mai seguire Giuntoli alla Juve, lo farebbe solo in un secondo tempo. Ad oggi invece Giuntoli arriverebbe alla Juve per lavorare con l'attuale struttura, già operativa sul mercato in queste ore.