10
Un anno in più e Juan Cuadrado si trova in una situazione inedita per lui. Precario all’improvviso, con il contratto in scadenza ed un presente levigato dalle incognite. Ma di questi tempi alla Juventus un po’ tutti sono in subbuglio e il colombiano non può sperare di fare eccezione. Da sette anni in bianconero, alla soglia delle 200 presenze e un bilancio sostanzialmente positivo, eppure Juan compirà 35 anni nel prossimo maggio: la carta d’identità comincia a pesare. Ed è logico dedurre che alla Continassa non hanno fretta di sedersi ad un tavolo per rinnovare il contratto in scadenza, Del resto l’argomento è stato già dibattuto la scorsa estate, quando la società gli ho proposto una spalmatura sino al 2024 con una media di 4 milioni annui. Ma il giocatore ha preferito mettersi in discussione ed è chiaro che adesso Cherubini si prende i suoi tempi prima di proporgli il rinnovo. Come si legge sulla Gazzetta dello Sport, in questi mesi è emerso anche l’interesse dell’Inter: un’opzione da non sottovalutare. E’ più naturale, però, che il colombiano ci pensi prima di prendere altre strade. Ovviamente, però, i prossimi mesi emetteranno verdetti inappellabili, quelli del terreno di gioco.
In pieno agosto Adrien Rabiot aveva già un piede all’Old Trafford. Poi, il clamoroso no al Manchester United ha sparigliato le carte, condizionando non poco le ultime battute del mercato bianconero. Allegri ha fatto buon viso a cattivo gioco e lo ha riaccolto volentieri, ritenendolo indispensabile a centrocampo. Ma è tutto da dimostrare che il francese accetti di legarsi alla Juve oltre il prossimo giugno. E’ concreta la prospettiva che se ne vada com’è arrivato (cioè a parametro zero). Con la possibilità di legarsi nuovamente proprio al Psg, il club che lo ha lanciato. E questa situazione di incertezza è destinata a caratterizzare anche i prossimi mesi. Mamma Veronique (la sua agente) è una vera maratoneta: abituata com’è a trattare i minimi dettagli economici. E comunque le richieste sono elevate: tanto per intendersi allo United aveva chiesto un triennale da 10 milioni netti. La Juve proverà ad assecondare questo tipo di aspettative? Bella domanda. In questa fase i programmi del club degli Agnelli vivono una fase delicatissima. E i verdetti del campo saranno determinanti per capire se davvero Rabiot può essere considerato un punto fermo anche in futuro.