152
È stato un mercato di gennaio molto statico, fin qui, quello della Juventus. Una sessione in cui si è parlato più di rinnovi (su tutti, quello di Paulo Dybala) che di possibili acquisti. Colpa di una situazione economica complicata, che fino a qui non ha permesso ai bianconeri grandi investimenti, e di mancate offerte concrete per giocatori che non sono al centro del progetto di Massimiliano Allegri e la cui uscita potrebbe finanziare nuove entrare. Qualcosa, però, può ancora cambiare da qui al 31...

GERRARD SU BENTA - In questo senso va registrato l'interesse delle ultime ore dell'Aston Villa per Rodrigo Bentancur. Un apprezzamento che fin qui non ha ancora portato a offerte concrete, ma soltanto ai primi sondaggi da parte della squadra allenata da Steven Gerrard. Un grande centrocampista in passato, che ha individuato proprio la linea mediana come il reparto in cui rinforzarsi di più nell'ultima settimana di mercato. Così come per Arthur, la Juve non accelererà una cessione soltanto in prestito secco, ma una formula a titolo definitivo o un prestito con diritto o obbligo di riscatto per una valutazione totale sui 20 milioni di euro potrebbe convincere i bianconeri a privarsi dell'uruguaiano anziché del brasiliano.
L'IDEA JUVE - Bentancur, a Torino, non è mai riuscito ad avere un rendimento continuo e nei suoi anni alla Juve, con i vari allenatori che si sono succeduti, è sempre sembrato a un passo dal compiere quel salto di qualità che tutti si attendevano da lui, senza mai farlo davvero. Un anno fa, quando ancora non era tornato a essere a guidare i bianconeri, Massimiliano Allegri dichiarò: ​"Rodrigo non può giocare davanti alla difesa. Ci può giocare una partita, è come una riserva che gioca una o due partite, ma non può farne cinque. Lui anche con me giocava davanti la difesa, ma poi tornava a far la mezzala. Ha un tempo di gioco non adatto". L'utilizzo di questa stagione sembra confermare l'opinione del tecnico livornese: Bentancur non è considerato incedibile, con l'offerta giusta anche lui può partire.