120
Dopo il pesante ko interno con la Lazio, per la Juve è già tempo di Champions. Max Allegri presenta così la sfida con lo Sporting Lisbona, in una conferenza stampa che arriva prima dell'ultimo allenamento a differenza del tradizionale programma europeo della vigilia. Questi i temi principali toccati dal tecnico bianconero. 

ATMOSFERA - "E' buona, deve regnare l'equilibrio. Non possiamo deprimerci perché abbiamo pareggiato a Bergamo e perso in casa con la Lazio, nel calcio ci sono momenti in cui le cose vanno bene a te e male agli avversari o viceversa. Errori commessi sono errori di gestione della partita in certi momenti, come capitato con la Lazio. Chi sta facendo cose importanti è il Napoli, per ora la stagione è dalla sua ma la stagione è molto lunga. Sarà stagione bella e avvincente, il calendario ha tre scontri diretti nel finale, queste cose mi divertono con tutta questa suspance"

CHAMPIONS - "Domani è l'importante. Lo Sporting ha un allenatore esperto, servirà pazienza e servirà testa. In queste due partite ci giochiamo il passaggio del turno, altrimenti dovremo fare punti con il Barcellona e in Grecia. Sono 180 minuti da giocare al meglio, poi nel calcio succede tutto e di più: la palla di Higuain per una questione fisica ad esempio su 110 volte entra 100".

ANALISI - "Nel calcio c'è poco da analizzare, nel calcio c'è da fare. Limitando le distrazioni, perché in questo momento le paghi di più".

SPORTING - "E' matematica, se vinciamo le due partite col Barcellona siamo qualificati. Punto debole? Dobbiamo essere bravi noi a sbagliare meno palle tecnicamente"

LUCIDITA' -  "Con la Lazio abbiamo avuto troppa fretta. Dobbiamo migliorare la sicurezza di giocare con velocità e lucidità, lì abbiamo avuto fretta perché abbiamo preso due schiaffi e nessuno se lo aspettava. Gli imprevisti vanno gestiti al meglio, con la consapevolezza che le partite si possono vincere lo stesso anche nei momenti di difficoltà".

SENNO DI POI - "Ci sono già i giornalisti che lo fanno... Io le scelte che ho fatto le rifarei, qualche giocatore l'ho visto addirittura venerdì pomeriggio. Bentancur ha dovuto giocare, Dybala l'ho dovuto far riposare. Non ho niente da rimproverarmi, solo abbiamo sbagliato l'inizio del secondo tempo".

DYBALA - "Con Paulo ho parlato ieri, è normale che anche nella gestione di sé stesso deve arrivare ad un equilibrio. Deve aver letto da qualche parte che dopo le prime giornate veniva paragonato a Messi, o sbaglio? Ora ha sbagliato due rigori. Fa parte di un percorso di crescita di un giocatore straordinario, che lo fortificherà e lo aiuterà a trovare equilibrio. Non deve esaltarsi se fa tre gol al Sassuolo, non deve deprimersi se sbaglia due rigori. Rigorista rimane lui, non cambio assolutamente".

BERNARDESCHI - "Giocare nella Fiorentina con tutto il rispetto è una cosa, giocare nella Juve è un'altra cosa. Serve tempo".

TURNOVER - "Non so, devo ancora vedere l'allenamento di oggi. Però stanno bene. Pjanic recuperato e può giocare perché non ha nessun problema, Khedira recuperato. Mancano solo Marchisio, che sta recuperando, Pjaca, Howedes e De Sciglio"

CONFERENZA - "Conferenza alle 12? Faccio quello che mi dicono, non per vedere City-Napoli. Meglio per voi (ride, ndr), così ve la vedete con calma"

STADIUM - "C'è bisogno aiuto di tutti, saranno 90 minuti importanti".

TERZINO - "O Sturaro o Barzagli, vedremo cosa mi convincerà di più. Ma Sturaro ha fatto bene e potrà fare bene anche in futuro".

PJANIC - "Per lui avere a fianco un giocatore come Matuidi può essere un vantaggio. Chiaro che quando gioca Pjanic la palla circola veloce, quando giocano giocatori bravi e tecnici ecco che la palla circola bene. Questo non vuol dire che Bentancur non abbia fatto bene, anzi. Ma è un giocatore diverso da Pjanic".

CRISI - "La Juventus non è assolutamente in crisi, momento in cui abbiamo fatto un punto in due partite ma il campionato è lungo. Per il campionato c'è tutto il tempo per recuperare, sarà un campionato molto bello con tutti gli scontri diretti che ci saranno nel finale"

SARRI - "Cosa penso delle parole di Sarri in conferenza? Avevamo allenamento, quindi non ho visto assolutamente niente. Posso solo dire che il Napoli ha fatto benissimo, noi dobbiamo essere pronti per il momento in cui si decide tutto".