Ora si fa sul serio. In sequenza la Juve affronta partite decisive in campionato, Coppa Italia e Champions. Con l'infermeria sempre piena e una squadra che in ogni caso vince sempre o quasi da tre mesi e mezzo, Max Allegri presenta la prima tappa di questo tour de force: domani allo Stadium arriva l'Atalanta. Questi i temi principali toccati dal tecnico bianconero, nella conferenza stampa della vigilia.

INFORTUNI - "Bollettino medico dice che...Higuain è solo una botta, difficilmente ci sarà domani. Bernardeschi fra venti giorni verrà valutato, bisognerà vedere come avrà reagito alle terapie conservative, se non avranno fatto effetto dovrà operarsi. Cuadrado è ancora lontano dal rientro, De Sciglio ha un problema all'adduttore e verrà valutato la prossima settimana. Gli altri ci sono tutti".

DYBALA - "Ieri l'ho provato prima punta, ma devo valutare perché abbiamo quattro partite in dieci giorni. Impensabile che possa giocare 90 minuti per tutte le partite, così come gli altri giocatori. Soprattutto lui deve ritrovare condizione ottimale con il minutaggio, abbiamo bisogno di tutti".

BENTANCUR - "Devo valutare se possa giocare titolare. Di sicuro giocheranno Pjanic e Matuidi, poi uno tra lui, Sturaro e Bentancur".

BUFFON - "Domani gioca, era in programma col Torino un turno di riposo e torna tra i pali".

DIFESA - "Torna Lichtsteiner, poi gioca uno tra Benatia e Rugani".

CALENDARIO - "Sembra di venire da una sosta, meno male che domani iniziamo a giocare. Già al terzo giorno i ragazzi vogliono giocare, sembra strano ma i ragazzi sembrano arrivare da una sosta e questo è pericoloso. Giocando ogni tre giorni non puoi staccare perché sei sempre sulla corda."

ATALANTA - "Ha sicuramente voglia di rifarsi, poi mercoledì ha la possibilità come noi di conquistare la finale di Coppa Italia. Squadra fisica, difficile giocarci contro. Ha segnato dieci gol su palla inattiva, quarta per vittoria duelli aerei. Domani è la prima partita di un ciclo importante che si chiude con la Spal".

MARCHISIO - "Non mi son sentito tirato in ballo, non ne ho ho parlato con Claudio perché non c'era neanche bisogno".

Il dietro le quinte del mondo Juventus, guarda la docuserie First team: Juventus, solo su Netflix