Tocca a Joao Cancelo presentarsi al mondo Juve. Con l'onere e l'onore di chi ha ricoperto un ruolo fondamentale per dare il la alla trattativa del secolo, quella di Cristiano Ronaldo dal Real alla Juventus. Questi i temi toccati dall'esterno portoghese.

CRISTIANO RONALDO - "E' un piacere per me e per tutti i giocatori avere Cristiano Ronaldo in squadra, è il migliore del mondo. Alzerà il livello della squadra, spero che potremo continuare a vincere insieme. Non ci siamo ancora parlati, lo lascio riposare e dopo le ferie parleremo con calma".

INTER - "E' stato un club molto importante per me, mi ha aiutato a maturare e mi ha dato la prima opportunità nel campionato italiano. Per questo ringrazio il club".

CHAMPIONS - "Non è un obbligo vincerla ma è un obbligo competere. La Juve è tra le migliori squadre d'Europa e ci proveremo certamente".

LIGA-SERIE A - "Campionati diversi, la Liga è più tecnica. La serie A mi ha aiutato a migliorare negli aspetti tecnici, come in fase difensiva. Spero di continuare a farlo anche alla Juve. Penso di aver fatto bella figura in entrambi i campionati".

JUVE - "Da avversario posso dire che la partita dello scorso anno è stata forse la più bella da vedere nella mia carriera, ma adesso sto dall'altra parte. Il giocatore che mi impressionava di più? Tanti: Dybala, Higuain, Douglas Costa, ognuno di loro ha qualcosa di importante da dare alla squadra. Anche i difensori sono bravi, ad esempio Chiellini è uno dei più grandi nel suo ruolo. Qui c'è un clima speciale, allenamenti già intensi come se ci fosse un appuntamento ufficiale da preparare e questo dà il senso di quella che sia la mentalità".

JUVE-INTER - "Sono due club importanti per l'Italia, la Juve ha dominato la serie A negli ultimi anni. Per questo ho scelto di venire qua, per vincere tanti titoli. L'Inter aveva il diritto di acquisto e non lo ha esercitato, la Juve ha dimostrato sempre di volermi e io ho voluto venire qua. Tutti sognano di giocare in questo club. Non parlo delle differenze tra Juve e Inter, ora sono orgoglioso di far parte della squadra e della famiglia bianconera".

ALLEGRI - "Non abbiamo parlato molto fino adesso, è un allenatore che ha le sue idee chiare e sta cercando di dare un'identità chiara alla squadra e stiamo lavorando per questo".

40 MILIONI - "Non ci penso, dovrò dimostrare di valere questi soldi sul campo e lavorerò per questo".

CARATTERISTICHE - "Non so quali siano. Andate a vedere i miei video e le vedrete (ride). Io sono qua per adattarmi alla squadra, non viceversa. Sono sicuro che l'allenatore saprà cosa fare con me"

CONCORRENZA - "Vero, ci sono molti competitor nella mia posizione e spero di essere al livello di una squadra così e darò tutto per essere all'altezza"

ALEX SANDRO - "Con lui abbiamo già parlato abbastanza, mi ha accolto molto bene, siamo sempre insieme. Quando arriveranno Douglas Costa e Cristiano sarà ancora più facile adattarmi".

NAZIONALE - "Quando ho deciso di venire qua è stato anche perché giocando in questo club è più facile attirare le attenzioni e andare in Nazionale. Penso che se farò bene qua, sicuramente sarà più facile trovare un posto nel Portogallo"

BENFICA - "Non ho parlato con nessun collega, come tutti sanno il Benfica è la squadra del mio cuore ma la prossima amichevole sarà solo una partita e farò di tutto per difendere la maglia della Juve anche in questa occasione".

WOLVERHAMPTON - "Domanda difficile. Che io sappia non c'è stata un interesse da parte del Wolverhampton, bello sapere che i club ti vogliano ma io non ne sapevo nulla".

FRANCIA-CROAZIA - "Non so se è giusto o no, ma io tifo Croazia in finale".