130

Alla vigilia di Juve-Napoli e del primo scontro da allenatore con il suo grande amico Rino Gattuso, ecco le parole di Andrea Pirlo in conferenza stampa:

COVID 19 - “Non penso ci sia il rischio di non giocare, la Lega ha dato regole ben precise. Il nostro stato d’animo è quello di aver preparato la partita, non ci ha influenzato minimamente questa cosa. Paura non ne abbiamo, il virus si può prendere ovunque tu vada”.

ESPERIMENTI - “Non abbiamo fatto amichevoli, continueremo a provare. Impostazione tattica può essere la stessa, magari cambieremo interpreti, rispetto a Roma potremmo anche riproporre in futuro Kulusevski a destra”.

DYBALA - “Periodo di adattamento ci stava, ora ha una settimana di lavoro in più. Vediamo se ci sia possibilità di farlo giocare”.

A SINISTRA - “Cuadrado o Frabotta, unici due giocatori che possono giocare in quella posizione. Decidiamo domani”.

GATTUSO - “Sono affari miei alla Juve, come sono suoi al Napoli. Lavoro bellissimo, mi prendo anche i problemi. Un conto è giocare a calcio, un conto è essere allenatori, eravamo calciatori diversi e forse saremo allenatori diversi”.

ARTHUR - “Si è allenato bene, viene da un ambiente e un campionato nuovo. C’è possibilità che possa giocare dall’inizio”.

PRONOSTICI - “Non mi cambia niente, ne ho sentite di ogni colore in vent’anni “.

MERCATO - “Stiamo parlando con la società, vedremo, se ne occupa Paratici. La rosa mi soddisfa. De Sciglio, Khedira e Douglas Costa sono a disposizione”.

CHAMPIONS - “Girone affascinante, giocare col Barcellona è sempre bello, alza livello di attenzione. Calendario fitto, giocare a Kiev subito è una cosa positiva”.

NAPOLI - “Arrivo di Gattuso ha cambiato mentalità, grande possesso palla, squadra forte. Ma noi non siamo da meno. Lo scherzo più bello sarebbe vincere domani sera, poi parlarne dopo”.

MORATA - “Giocatore funzionale, lo abbiamo comprato apposta. Una sola partita, lo abbiamo messo dentro perché aveva caratteristiche secondo noi adatte per giocare contro la Roma, ora vediamo”.