13

Stavolta la Juventus non perde la Trebisonda in Turchia. Ottanta giorni dopo l'eliminazione dalla Champions per mano del Galatasaray degli ex interisti Sneijder e Mancini, i bianconeri superano di slancio l'ostacolo Trabzonspor con una gara tutta in discesa, che ha messo in luce la coppia di riserva Osvaldo-Giovinco, una valida alternativa ai titolari Tevez e Llorente, lasciati a riposo in vista del posticipo di domenica sera a San Siro contro il Milan. 

OSVALDO - L'attaccante italo-argentino ha timbrato il cartellino, segnando il suo secondo gol in altrettante partite di Europa League: "Ho una buona media realizzativa... - ha dichiarato Osvaldo nel dopo partita -. Agli ottavi avrei evitato la Fiorentina che è una grande squadra, ma prima pensiamo al Milan. Posso giocare con Tevez, Llorente o Giovinco e cerco di abituarmi a ognuno di loro anche se hanno caratteristiche diverse. Io e Seba abbiamo fatto bene anche in fase difensiva, l'intesa è nata spontaneamente". 

GIOVINCO - Dal canto suo, lo stesso Giovinco ha spiegato: "Non è la prima volta che gioco con Osvaldo, ci conosciamo dai tempi della Nazionale Under 21. L'importante era giocare bene e qualificarci, mi è mancato solo il gol, pazienza. I fischi dello Juventus Stadium col Chievo? Mi dispiace che si sia creata questa cosa nei miei confronti e nei confronti del mister, spero di fare ancora meglio per trasformare i fischi in applausi". 

BASTONE E CAROTA - L'allenatore juventino Antonio Conte ha commentato: "Giovinco fa bene ad arrabbiarsi come Cristiano Ronaldo quando non segna perché è un attaccante e deve fare gol, anche se ha giocato bene e ha fatto un bell'assist. Sono contento in particolare per quei ragazzi un po' bistrattati dalla critica, per andare avanti in campionato e in Europa League abbiamo bisogno di tutti. Quest'anno potevamo fare di più nel girone di Champions, che mi ha lasciato un po' di amarezza. In Europa bisogna avere pazienza, dobbiamo continuare a lavorare per crescere". 


I NUMERI DI GIOVINCO E OSVALDO IN EUROPA LEAGUE: