133
Un problema, che in questo inizio di stagione sta condizionando gioco e risultati. Che sta mettendo in mostra la Juve peggiore, una versione che così non può raggiungere gli obiettivi prefissati. Tra le cose che non vanno della squadra di Allegri c'è una tenuta fisica precaria, che ha fatto la differenza in negativo nelle prime quattro uscite di campionato, con solo due punti conquistati. Una difficoltà raccontata anche dai dati: ​la Juve non ha mai segnato un gol nel secondo tempo in campionato e ha già perso 7 punti da situazione di vantaggio. E non è un caso che ​quasi tutti gli errori individuali di questi mesi siano arrivati dal 45’ in avanti. 

'SIAMO MORTI' - Il problema non è solo di preparazione, con la Juve che sta sicuramente mettendo benzina nelle gambe per affrontare tutta la stagione, ma anche di ​scelta di difendere bassi per lunghi tratti della partita. Che inevitabilmente obbliga a grandi sforzi per raggiungere l’area avversaria. Ogni contropiede, di fatto, una traversata atlantica, che porta via grandi energie. E' emblematica la richiesta di Dybala a Bentancur e Locatelli al 35' della sfida contro il Milan, raccontata dall'inviato di Dazn a bordocampo: "Non verticalizzate sempre, gestite il pallone. Altrimenti io e Morata siamo morti". Il movimento a fisarmonica dei due attaccanti, che accorciano e attaccano la profondità è estremamente dispendioso e toglie lucidità, non può essere l'unico modo per fare male all'avversario di turno. Serve altre soluzioni.