65
Anche la Juventus presenta oggi a Vinovo gli ultimi due nuovi acquisti. Si tratta di Hernanes e Mario Lemina, che dovranno garantire quantità e qualità per il centrocampo della Juventus. Il primo è arrivato a titolo definitivo dall'Inter per 11 milioni di euro più due di bonus. Il secondo è stato invece prelevato dall'Olympique Marsiglia in prestito oneroso da 2 milioni di euro con diritto di riscatto fissato a 9 milioni.
LE PRIME PAROLE DI HERNANES - "Ho sempre sentito la responsabilità dove ho giocato, sono sempre stato al massimo sotto questo aspetto. L'Inter è il passato, ora sottolineerò gli aspetti positivi della storia della Juve, penserò solo a questa maglia. Il calcio ha le sue dinamiche, può capitare di giocare quello che è successo a me da domenica. Sono alla Juve per fare qualcosa che non ho ancora fatto e migliorare i miei numeri. Ho giocato un Mondiale ma mai la Champions, ho tanta voglia di affrontarla e aiutare la squadra. La Juve rimane la squadra da battere in Italia e fuori. La maglia numero 11? Nessun motivo particolare, volevo un numero basso e offensivo".

IL PASSATO NERAZZURRO - "Sono stato bene all'Inter, ma ora sono qua. Sono sorpreso ma soprattutto felice. Ho saputo della trattativa solo all'ultimo, per quello dico che sono sorpreso. Le mie dichiarazioni all'arrivo all'Inter? L'ho detto perchè lo pensavo e mi sembrava una cosa positiva.
 
ECCO LEMINA - La Juve è una squadra vincente, voglio essere parte di questo grande progetto. I miei ruoli preferiti sono il mediano e il playmaker, ma posso anche giocare in difesa. Non ho parlato con Pogba prima della firma, l'ho fatto oggi e mi ha parlato molto bene della Juve. Credo di avere caratteristiche in comune con Vidal, spero di poter raggiungere il suo livello. Il giocatore della Juve che più mi piaceva da piccolo era Del Piero. Ma quello a cui mi ispiro di più è Nedved. Maglia? Ho scelto la 18 in onore di mio figlio, nato il 18 novembre"

I DUE ACQUISTI CON LE NUOVE MAGLIE

Juve, Hernanes e Lemina presentano le loro... di calciomercatocom