23
C'è chi vuole sfruttare subito la prima occasione utile e tornare immeditamente in testa alla classifica. C'è chi, dall'altra parte, sogna un successo che in campionato, all'Olimpico, manca dal 2003. E poi c'è chi, come Ronaldo, vuole tornare decisivo dopo un periodo difficile e infine chi, come Immobile, vuole proseguire il magic-moment. Lazio-Juve, in programma questa sera alle 20.45, è una gara ricca di contenuti e contenuto. Con risvolti di mercato: eh già, perchè il filo che unisce la Juve e Sergej Milinkovic-Savic, per certi versi, non si è mai interrotto.

ACCORDO TROVATO - Anni di interessamenti e abboccamenti, di pensieri e valutazioni. Nel 2018 i bianconeri ci hanno provato concretamente, pressando il presidente Lotito salvo trovarsi davanti un muro con un cartello che recitava: '150 milioni'. Tanti, troppi per le casse bianconere, già costrette a sacrifici per il maxi-affare Ronaldo. La Juve ci aveva riprovato anche quest'estate: ad inizio mercato, accordo trovato con il giocatore su una base di un contratto quinquennale a 6 milioni netti a stagione. Lotito, però, si era nuovamente opposto, chiedendo circa 90 milioni. Richiesta considerata nuovamente alta dai bianconeri, nella speranza che ora Lotito si sia convinto a mollare la presa.

IL PIANO - La Juve, dunque, continua a tenerlo d'occhio. E lo farà anche questa sera: Sergej ormai non è più da visionare, è una certezza del calcio italiano, da ammirare e godere. Il serbo non è una priorità per il centrocampo, ma è un pallino di Paratici e, qualora il prezzo calasse, da Torino partirebbe l'assalto