43
A pochi minuti dalla sfida contro l'Atalanta, Fabio Paratici ha parlato a Sky, spiegando: "Come abbiamo preparato la gara? Come gli altri anni, anche quando dovevamo giocarci lo scudetto. L’anormalità è stata vincere 9 scudetti consecutivi, non il fatto di lottare per arrivare secondi, terzi o quarti in un anno. Quest’anno giochiamo ogni partita per vincere, ci prepariamo sempre al massimo e quindi l’abbiamo vissuta come le altre volte."​

SU RONALDO - "Ha giocato tantissime partite, tra l’altro doveva fare una gestione diversa anche in Nazionale, poi ha dovuto giocare perché il Portogallo doveva vincere anche la terza partita per qualificarsi ai Mondiali. Si è allenato questa settimana, ieri si sentiva un po’ carico ai flessori, il fatto di metterlo a rischio per una partita rispetto alle prossime che andremo a giocare… di comune accordo si è deciso che fosse la cosa migliore rimanere a riposo".
SUL FUTURO DI RONALDO - "Dobbiamo essere tutti responsabili in quello che abbiamo già iniziato a fare da un anno a questa parte perché siamo in un momento di grande incertezza. Per quanto riguarda Cristiano, credo che sia non solo un calciatore, non solo un atleta, ma un personaggio a tutto tondo di più alto livello. Quindi il suo salario comprende tante cose che vanno al di là delle reti che fa, come gioca, ma soprattutto per quello che rappresenta per un club che lo tessera, per milioni e milioni di tifosi. Credo ci siano delle ricerche che dicono che è la persona più conosciuta nel mondo, da questo ne consegue tutta una serie di considerazioni. È un discorso veramente a parte, come per pochi personaggi pubblici, non solo sportivi, ma personaggi planetari che vanno al di fuori di una logica di calcio e di sport".

SU DONNARUMMA E CALHANOGLU - "Le voci ci sono sempre, per ogni argomento di mercato. Siete bravissimi a scoprire e creare discussione, in questo momento siamo concentrati su ciò che stiamo facendo. Siamo contenti dei nostri, non siamo interessati a parlare di giocatori in questo momento della stagione".