185
Il ritorno di Paul Pogba alla Juve non è mai stato così realistico come in questi giorni. L'Inter prende Eriksen, il Real Madrid prenota van de Beek, gli ex compagni (come Dybala) dichiarano apertamente il desiderio di tornare a giocare con il Polpo: il quadro di mercato che si sta delineando gioca a favore di Fabio Paratici, e del desiderio del classe 1993 francese di tornare a Torino. 

Fin qui la parte suggestiva della storia, perché poi bisogna anche fare di conto, e confrontarsi con la realtà. E qui per la Juve sono dolori. Perché se davvero vorranno riacquistare Pogba (e si sta parlando ovviamente dell'estate, più che del mercato invernale), i bianconeri dovranno fare sacrifici importanti. 

Lo impongono il bilancio e la tradizione recente di casa Juve, a maggior ragione dopo l'aumento di capitale di 300 milioni appena effettuato. Così come è stato fatto con Vidal, Coman, Cancelo, Kean, Higuain, Caldara e, ovviamente, con lo stesso Pogba, le cui cessioni sono state indispensabili per poter poi comprare, se davvero la Juve vorrà riprendersi l'attuale numero 6 del Manchester United, allora dovrà fare dei sacrifici importanti. 

E le strade sono soprattutto due, che rispondono ai nomi di Pjanic e Ronaldo...

CONTINUA A LEGGERE: PER PRENDERE POGBA LA JUVE DEVE RINUNCIARE A PJANIC O RONALDO