Il Corriere della Sera, dalla propria edizione online, ha mandato stoccate alla Juventus e a Max Allegri per la gestione della questione esonero rivelandone i retroscena: "Conferme dispensate urbi et orbi e pugnali sotto al tavolo. Sorrisi di facciata e telefonate dietro l’angolo. Il divorzio tra Massimiliano Allegri e la Juventus è durato è un mese, forse anche tre: da quel 20 febbraio, giorno della sciagurata partita al Wanda Metropolitano di Madrid persa 2-0 contro l’Atletico, la fiducia nell’allenatore degli 11 trofei in 5 anni è crollata. La rimonta subita dall’Ajax il 16 aprile ha fatto il resto. E nonostante le parole del presidente Agnelli («ripartiamo con Allegri») la Juve ha cominciato a guardarsi attorno per un’alternativa".