134
C'è un giocatore al centro delle critiche dei tifosi della Juventus dopo il 2-2 con la Roma di sabato sera: è Leonardo Bonucci, che è sul banco degli imputati per il modo in cui si è fatto saltare da Mkhitaryan all'inizio della partita, propiziando un'occasione da gol per i giallorossi sventata da una parata di Szczesny. Sui social, il numero 19 bianconero è stato sommerso dalle critiche, all'insegna di un comune denominatore: "Come fai a farti saltare di schiena?". 

COSTRETTI ALLA DIFESA A TRE - Ora, al di là di un atteggiamento di critica per certi versi esagerato nei confronti di Bonucci (ed è naturalmente da condannare il tono e il contenuto di molti post), da un punto di vista oggettivo il tema che emerge dal match dell'Olimpico è quello dell'assetto difensivo della squadra di Andrea Pirlo, e dei suoi interpreti. Dopo un anno di dogmatismo sarriano 'a quattro' (con 43 gol incassati nel campionato 2019-20), il nuovo allenatore per il momento sta impostando la Juve con un 3-4-1-2, i cui protagonisti in difesa sia all'esordio contro la Sampdoria che contro i giallorossi sono stati Danilo, Bonucci e Chiellini.

Per i campioni d'Italia, si tratta di un ritorno a un passato... 

CONTINUA A LEGGERE: JUVE E BONUCCI, I PROBLEMI E LE SOLUZIONI DELLA DIFESA A TRE