149
Maurizio Sarri, allenatore della Juventus, ha parlato così a Rai Sport dopo la sfida di San Siro contro il Milan:



"Non c'è stato un miglioramento. Siamo in una fase in cui facciamo fatica a crescere, siamo migliorati nel palleggio da dietro facendolo anche bene; siamo mancati negli ultimi 20 metri. Ma se riprendiamo il palleggio, torneranno velocemente anche gli ultimi 20 metri".

RIGORE - Queste le sue parole in conferenza sul rigore: “Il rigore era netto e a noi ne manca uno. Con le norme attuali, quello è rigore”.

POSTE - “Non c'è nessuna mancanza di rispetto nei confronti dei lavoratori. Io vengo da una famiglia di operai e sono orgoglioso di esserlo. È una storia ridicola e non voglio nemmeno commentarla. Le battute non le faccio più perché non voglio mettere in difficoltà il marchio Juve, è una battuta che facciamo tutti al bar”.

GOL SUBITI - "Ne prendiamo anche in circostanze evitabili. Potevamo difendere facilmente quella palla lenta di Rebic, dobbiamo migliorare".

RISULTATO - "Abbiamo fatto un risultato importante. Prendiamoci l'1-1 che va bene verso il ritorno".

MOMENTO DIFFICILE - "Non sono preoccupato, le uniche paure le ho sulla salute delle persone e mi sento bene. Mi sembra sia una fase normale: è impensabile fare una crescita con una curva d'ascesa continua, non è possibile in alcun campo della vita e figuriamoci nel calcio".

PJANIC E RAMSEY - "Pjanic ha fatto una buona partita, Ramsey ha fatto 40 minuti di ottimo livello poi è calato ma l'ho visto in crescita. A me sono piaciuti stasera a San Siro, Miralem è tornato su buoni livelli dopo 2/3 prestazioni non da Pjanic".

RONALDO - "Era troppo solo per poter essere incisivo questa sera".

CHIELLINI - "Dà energia e personalità. Non so esattamente quando tornerà in campo, dipenderà dalle sue sensazioni, ieri ha fatto la sua prima partitella. Mi ha detto che ha avuto buone sensazioni. La settimana prossima riproveremo".