4
Carmine Nunziata racconta Kaio Jorge. Il selezionatore dell'Italia Under 19, eliminato dal Brasile ai quarti di finale del Mondiale Under 17 nel 2019, ha dichiarato a Tuttosport: "Kaio Jorge in quel Brasile era sicuramente uno dei giocatori più importanti. Bravo tecnicamente, bravo a fare da punto di riferimento e a giocare con la squadra. Intelligente nel muoversi, sia incontro che in profondità. E ricordo che era anche un giocatore generoso. Sicuramente un calciatore forte". 

In quel Mondiale segnò in tutte le partite a eliminazione diretta tranne contro l'Italia? 
"Sì, ma anche quando non segna è un giocatore che sa far giocare bene la squadra, sempre legato ai compagni, molto bravo anche a giocare spalle alla porta". 

Le sue caratteristiche? 
"Buona tecnica, una bella gestione della palla, un bel dribbling soprattuto con il destro". 

Il ruolo? 
"È una prima punta che sa giocare con i compagni, che lega bene il gioco. Un punto di riferimento in grado di giocare di sponda per poi scattare in profondità: dà e va. È un vero regista avanzato, che attacca bene la porta". 

Come lo vede nell'attacco bianconero? 
"Alla Juve troverà un contesto con grandissimi campioni, può integrarsi bene".