250
Sul finire della passata stagione, Massimiliano Allegri adottò un profilo basso: “No, sul mercato non ci saranno rivoluzioni”. Ad oggi, a sessione ancora aperta, è evidente che i fatti raccontino altro. Tra entrate ed uscite la Juventus ha cambiato parecchio e prima del 31 agosto è facile prevedere che ci saranno ancora nuovi innesti e nuove uscite. Non abbastanza, però, perché è altrettanto evidente che la squadra bianconera abbia delle lacune che difficilmente potranno essere colmate nelle prossime settimane.
 
Se ne parla da settimane, la Juventus ha un problema a sinistra. Alex Sandro è lontano parente di quello ammirato nelle prime stagioni a Torino e Pellegrini non dà certezze. Sarebbe ingenuo pensare che in casa Juve il problema non sia evidente come lo è al di fuori. Ma le criticità sono altre. Udogie, Raum e tanti altri. Diversi i nomi accostati alla Juventus, segnati nella lista dei desideri della squadra di mercato della Vecchia Signora; al loro fianco, però, un asterisco: “Se dovesse partire Alex Sandro…”. L’esterno sinistro, però, non lascerà Torino fino alla scadenza naturale di un ingaggio che gli frutta 6 milioni netti a stagione. Ingaggio che, chiaramente, nessun club è disposto a corrispondergli, e quindi eccoci qua: mercato bloccato.

CONTINUA A LEGGERE SU ILBIANCONERO.COM