Commenta per primo

Di rosa, c'è solo la maglia (come quella degli albori), per ora, nel presente della Juventus: speranze tante, ma la realtà è che l'organico non è ancora completo e nasconde un problema grosso così, l'utilizzo di Marchisio.
Lo scialbo 0-0 a Salerno con il Betis Siviglia ha messo in evidenza una volta di più i limiti della difesa, spesso in difficoltà contro avversari veloci; e quelli dell'attacco, dove la coppia Matri-Vucinic, che dovrebbe partire titolare, non funziona ancora. In compenso, le conferme, ma in negativo, arrivano da Krasic, sempre confusionario e avulso dal gioco. Conte, però, deve anche trovare un posto a Marchisio, troppo prezioso a centrocampo, che quando arriverà Vidal dovrebbe sedersi in panchina, almeno stando a un rigido 4-2-4 tanto caro al tecnico bianconero. Difficilmente sarà cosi: o si collocherà il cileno sulla fascia, oppure non resta che una soluzione, il 4-3-3. Un dilemma non da poco a meno di due settimane dall'inizio del campionato, che parte da Udine
Contestualmente, da martedì terrà banco di nuovo il mercato, che dovrebbe portare a Torino un esterno sinistro (Vargas su tutti, ma non si escludono sorprese) e un difensore centrale capace anche di giocar palla (proprio il giorno dopo Ferragosto verrà formalizzata un'offerta al Chelsea per Alex). Solo a fine settimana, quindi, Conte potrebbe conoscere la definitiva composizione della rosa a sua disposizione
Tra le poche note liete, la grande estate di Cristian Pasquato, che non ha un nome da top player ma si è rivelato finora il miglior esterno di tutti. E poi si attendono notizie sul ginocchio di Quagliarella (colpito duro nella tournee americana).
Intanto è stato reso noto il nome dell'avversario della Juventus nella partita inaugurale del nuovo stadio (l'impianto di proprietà costruito nella zona del vecchio Delle Alpi) il prossimo 8 settembre: si tratta del Notts County, che solo pochi eletti conoscono, ma ha un grande prestigio storico, perchè fu quel club, con 149 anni il secondo più antico del mondo dopo lo Sheffield, a spedire le maglie alla nascente Juventus che le aveva richieste.