193
Inutile girarci intorno, l’esperienza alla Juventus di Dejan Kulusevski non si può definire esaltante. Nella scorsa stagione Andrea Pirlo lo aveva trattato da giocatore importante, mettendolo al centro del suo progetto tecnico ma con risultati alterni. Adesso le cose sono anche peggiorate con Allegri perché lo svedese non riesce ad accendersi come dovrebbe e potrebbe. Basti guardare i numeri che sono impietosi: 422 minuti giocati in 15 partite complessive con un solo gol all’attivo contro lo Zenit. Ecco perché nonostante una carta d’identità che recita solo 21 anni, l’addio a gennaio è la strada che sta prendendo sempre più corpo nelle ultime settimane. 

Ascolta "Juve, Kulusevski tra Arsenal, Paratici e Vlahovic" su Spreaker.

VERSO LA PREMIER - Dejan, in questo momento, non è felice in bianconero e ne ha già parlato con il suo entourage. Non si sente importante e vuole cambiare aria. La Juventus parte da una valutazione di 35 milioni e non esclude a priori una cessione a titolo temporaneo nella finestra invernale del calciomercato. Difficile un trasferimento in una squadra italiana nonostante il forte gradimento dell’Atalanta e il tanto chiacchierato intreccio con la Fiorentina per Vlahovic. L’ipotesi più probabile è quella di una partenza verso la Premier League: in corsa ci sono Arsenal e Tottenham dove ritroverebbe quel Paratici che lo aveva portato proprio in bianconero.