384
La Juve scende in campo senza troppi esperimenti, con il modulo fluido di questo inizio di stagione di fatto vanno in campo solo titolari anche se in ritardo di condizione come Dybala e Bernardeschi. Che deludono. Bene invece Demiral e Cuadrado, mentre Morata bisticcia di nuovo con la sorte e il Var. Gagliardo il Verona, Lovato e Colley sembrano già scommesse vinte. Queste le pagelle di Calciomercato.com.

Juventus
Szczesny 6: sul gol è almeno colpevole di tutti.
Demiral 6,5: uno così sa esaltare gruppo e tifosi, non molla nulla, se sbaglia si rialza, combatte sempre e comunque.
Bonucci 5,5: non brillantissimo, non può fermarsi mai e al 75' esce per infortunio. (30' s.t. Frabotta sv)
Danilo 6: esce anche palla al piede spesso e volentieri, molto meglio in questa stagione e in questa posizione. Adattato centrale quando Bonucci si fa male.
Cuadrado 6,5: bel duello con Lazovic, la traversa gli nega un gol di pura potenza
Arthur 6: in crescita, lavora bene anche in fase di non possesso, però si accende e spegne con troppa frequenza.
Rabiot 5,5: un assist meraviglioso per Bernardeschi e poco altro.
Bernardeschi 4,5: cambia posizione, non la sostanza. È anche in ritardo di condizione, ma spreca un gol in perfetta solitudine, poi un suo errore innesca il contropiede vincente del Verona (16' s.t. Kulusevski 7: con lui la Juve cambia marcia).
Ramsey 5,5: tra le linee sa dare i tempi giusti alla manovra, ma non incide mai come dovrebbe. (45' st. Vrioni sv)
Dybala 5: in ritardo e appesantito, proprio per questo ha bisogno di giocare ma sbaglia ancora tante scelte e il tempo in cui farle. Un paio di lampi e poco più, anche sfortunato quando colpisce la traversa.
Morata 6: fa da solo la guerra contro i centrali veronesi, quando la vince viene di nuovo fermato per un paio di centimetri, il fuorigioco nega un gol delizioso. Nella ripresa cala, ma innesca lui Kulusevski.

All. Pirlo 5,5: stavolta non fa troppi esperimenti, ma la Juve è ancora molle in avvio, in grave ritardo rispetto al Verona. Certo, non manca la sfortuna tra la traversa di Cuadrado, quella di Dybala o il gol annullato a Morata lo dimostrano. La Juve non perde mai, è un bene. Vince troppo poco, è un male. La strada è ancora in salita.
Verona
Silvestri 6,5: para il parabile, non c'è bisogno di miracoli perché viene salvato ora dalla traversa ora dal fuorigioco ma è una sicurezza.
Ceccherini 6: lotta e non va mai per il sottile con Morata, sa farsi rispettare (10' s.t. Magnani 6,5: roccioso quanto basta).
Lovato 7: bravo, bravo, bravo. Dopo Kumbulla il Verona lancia un altro gran bel centrale.
Empereur 6: se la vede con Dybala, in un modo o nell'altro ne viene a capo.
Faraoni 6,5: annulla Bernardeschi, copre le spalle a Colley.
Vieira 6: quantità più che qualità, al Verona serve soprattutto quella.
Tameze 6: finché ne ha, accompagna pure l'azione (5' s.t. Ilic 6: entra e mette ordine).
Lazovic 6,5: soffre Cuadrado, per poi puntarlo senza paura.
Colley 6,5: un gol annullato e tanto movimento, bella scommessa.
Zaccagni 7: con le buone o con le cattive, Demiral lo sovrasta sempre. Ma nel secondo tempo si scatena, che bello l'assist per Favilli.
Kalinic 6: manda a volte fuori giri Bonucci, deve ancora trovare la condizione migliore (10' s.t. Favilli 7: il primo pallone diventa un gol, meglio di così non poteva fare. Purtroppo si fa male subito, resta una notte da ricordare per il bomber ex Juve), (17' s.t. Barak 6: entra con il Verona in vantaggio, prova a portare acqua al mulino veronese).

All. Juric 7: il Verona ha le idee chiare, gioca senza paura, risponde colpo su colpo, passa in vantaggio e poi sa soffrire. Ormai i gialloblù son una realtà, lui un tecnico di primo piano.