245
Ancora un fuorigioco millimetrico di Morata
 
Altri due punti persi dalla Juventus.
Dopo il pareggio di Crotone arriva anche quello casalingo contro il Verona.
In comune le due sfide hanno i gol annullati a Morata, entrambi per questione di centimetri, anzi di millimetri.
Rivedendo le immagini al VAR è davvero dura accettare questo genere di decisioni perché parliamo proprio di fotogrammi, di proiezioni, di prospettive che cambiano in un attimo.
Giusto ovviamente rispettare sempre le decisioni arbitrali ma questo rischia di non esser più calcio, non è un alibi ma una constatazione.
 
Pari giusto
Così come giusto anche il pareggio per quello visto in campo nel corso dell’intera sfida.
Nella prima parte della gara sicuramente il Verona ha fatto qualcosa di più dei bianconeri, anche se le migliori occasioni da gol sono capitate alla Juventus (la traversa di Cuadrado grida ancora vendetta).
Il gol di Favilli nella ripresa ha spaccato la partita, anche perché l’attaccante del Verona in occasione della rete realizzata si è infortunato privando la squadra di Juric per il resto della gara del punto di riferimento necessario in attacco per far salire la formazione.
L’ingresso di Kulusevski al posto di uno spento Bernardeschi (che errore in impostazione di gioco in occasione del gol subito dai bianconeri) ha cambiato invece il volto della Vecchia Signora e non solo per l’ennesima prodezza del nuovo talento della Juventus.
Dall’ingresso dello svedese in poi la squadra di Pirlo ha dominato il gioco vedendo crescere in modo esponenziale pure Dybala (traversa clamorosa anche per lui).
Un dominio di gioco che però non è bastato per consegnare la vittoria alla Juve (che in fondo sarebbe stata anche meritata).
 
La Juve non sa più vincere
 
Terzo pareggio (sul campo) consecutivo. Ad oggi, se si esclude la gara all’esordio contro la Sampdoria (e ovviamente la vittoria a tavolino contro il Napoli) la squadra di Pirlo ha saputo collezionare in campionato solo pareggi.
E’ evidente che ci troviamo dinanzi ad un cantiere aperto dove Pirlo sta facendo la “gavetta” a discapito della classifica.
Bisogna chiedersi ovviamente sino a quando sarà lecito attendere che il neo Mister della Juventus trovi la quadra del cerchio senza polemizzare e partire con le critiche nei suoi confronti.
Nemmeno il tempo di farsi le domande comunque che mercoledì sera arriva il Barcellona (che, anche lei, non se la sta passando troppo bene).
Un eventuale risultato negativo potrebbe aprire una prima vera crisi in casa Juve. Tutto ovviamente recuperabile in questa fase, però bisogna anche esser onesti:
una partenza di questo tipo ad Allegri o Sarri non sarebbe stata tollerata pazientemente come si sta concedendo invece a Pirlo. Ma i crediti rischiano di finire in fretta...
@stefanodiscreti