383
Ossessione Champions

Nell'intervista esclusiva rilasciata dal Presidente Andrea Agnelli a Tuttosport finalmente, in questa lunga estate post Cardiff, si sono lette le parole che tutti i tifosi bianconeri aspettavano:
"Come si batte l'ossessione per la Champions? Vincendola!" Amen.
Non ci sono alternative.
Inutile girarci intorno e mettere le mani avanti come fatto in precedenza prima da Allegri e poi da Marotta.

Servono almeno 3 titolari Top

Adesso però alle parole della dirigenza devono seguire i fatti.
La Juventus è ormai rientrata stabilmente tra le prime 8 d'Europa ma per salire sul gradino più alto del podio ed alzare al cielo la "maledetta" coppa dalle grandi orecchie dopo 21 lunghissimi anni (e anche più...) servono necessariamente ulteriori investimenti pesanti sul mercato. Anche qui non ci sono alternative.
Finchè la Vecchia Signora finanzierà il proprio mercato cedendo ogni anno un top player, questo salto di qualità non avverrà mai.
Lo ripeto e non mi stancherò mai di farlo.
Con Vidal, Pogba e Tevez ancora in rosa sommati ai 12 titolari di Cardiff la finale contro il Real Madrid avrebbe avuto sicuramente esito diverso.
Le grandi squadre non sono solo quelle che sanno comprare i campioni. No.
Sono anche quelle (se non soprattutto) che quando un proprio fenomeno ha un mal di pancia (vedi casi Lewandowski o Cristiano Ronaldo) glielo fanno passare rapidamente, o perlomeno fino a che non hanno trovato il sostituto adeguato.
Prendiamo il caso Dani Alves. 
Il giocatore ha manifestato la voglia di tornare da Guardiola, dopo solo un anno (anche da protagonista per buona parte della stagione) alla Juventus? Nessuno è incedibile, assolutamente.
Ma in primis una grande squadra trova prima il suo sostituto, perchè altrimenti come sta capitando invece adesso alla Vecchia Signora tutte le altre squadre sanno che ti serve come il pane un terzino destro e allora la valutazione di Danilo passa da 20 a 30 milioni, quella di Darmian da 5 a 15 e cosi via...
Non sono stati 20' a fare la differenza nella finale contro il Real Madrid ma la netta differenza di valori tra le 2 rose.
Il Bayern Monaco, per dire, nonostante la qualità degli esterni in rosa (Robben, Rybery, Douglas Costa, Coman e non solo) ha messo in chiaro le cose:
Douglas Costa è cedibile solamente se nel frattempo la società trova un sostituto adeguato. Altrimenti non si muove.
Loro non rischiano minimamente di fare come la Juve degli ultimi 2 anni, ancora alla ricerca dei sostituti di Vidal e Pogba, con corteggiamenti lunghissimi come quelli su Draxler, Witsel e Matuidi terminati poi senza lieto fine. 
Finchè il mercato bianconero sarà incompleto, le speranze di battere l'ossessione Champions saranno ridotte assai.
Servono almeno 3 top player e assolutamente senza l'ulteriore cessione di nessun titolare.
Serve un terzino destro, un centrocampista leader di spessore internazionale, un esterno alto di valore assoluto.
Servono 3 titolari più 2 panchinari di livello, ovvero anche un nuovo vice Buffon (Neto è a un passo del Valencia) e il vice Higuain (il "Pipita" non dovrà esser spremuto come fatto quest'anno).
Servono 5 acquisti.
Ad oggi, di tutti i nomi accostati alla Juventus, l'unico movimento che davvero stuzzica la fantasia dei tifosi sarebbe il clamoroso ritorno in bianconero a gettoni di Zlatan Ibrahimovic.
Un altro che, come Andrea Agnelli e tutta la tifoseria bianconera, vuole battere a tutti i costi l'ossessione Champions vincendola.
Come vice Higuain per la seconda parte della stagione, quella decisiva, non sarebbe niente male. No?