Commenta per primo

Juventus-Fiorentina ai raggi X: bianconeri schiacciasassi in casa, ma la Fiorentina vuole ripetere il colpaccio dell'andata (aspettando l'Europa League)
 
Archiviata la parentesi infrasettimanale dedicata agli impegni delle varie Nazionali impegnate nelle ultime amichevoli pre-Mondiale, torna d'attualità il campionato e il calendario riserva una partita tradizionalmente calda come Juventus-Fiorentina: a rendere ancora più interessante la partita che si giocherà allo Juventus Stadium domani alle 12.30 c'è il fatto che le due squadre si affronteranno anche nella doppia sfida degli ottavi di finale di Europa League (l'andata si giocherà a Torino fra cinque giorni, mentre il ritorno si giocherà a Firenze il 20 marzo).
In attesa di vedere cosa accadrà domani in campo, andiamo a vedere in quali condizioni le due squadre si presentano a questo appuntamento.
 
JUVENTUS
PROBABILE FORMAZIONE: 1 Buffon (C); 15 Barzagli, 19 Bonucci, 4 Caceres; 26 Lichtsteiner, 23 Vidal, 8 Marchisio, 6 Pogba, 22 Asamoah; 10 Tevez, 14 Llorente
 
PUNTI DI FORZA:
La vittoria contro il Milan: una prova di forza! - La vittoria ottenuta domenica scorsa sul campo del Milan ha un'importanza particolare: non soltanto per il risultato in sè, che ha permesso alla squadra di Conte di portare a 11 punti il vantaggio nei confronti della Roma (la quale, è sempre bene ricordarlo, deve ancora recuperare la partita casalinga contro il Parma), ma soprattutto perchè a San Siro la squadra ha mostrato quel cinismo e quella spietatezza in zona gol che troppe volte le era mancato. Chiaro, dunque, che Montella e i suoi calciatori dovranno non soltanto giocare bene, ma soprattutto evitare di sbagliare eventuali occasioni pericolose che dovessero capitare loro...

Una schiacciasassi in casa - La Juventus 2013/14, che ad inizio stagione era ritenuta sazia di vittorie da alcuni, in casa non ha sbagliato un colpo: le 13 partite casalinghe giocate in campionato sono state tutte vinte segnando 37 gol e incassandone appena 8; e c'è da stare sicuri che la squadra di Conte non è intenzionata a fermarsi!

Tevez-Llorente: sempre loro (e Osvaldo...) - Grazie ai gol segnati nella serata di San Siro, Carlos Tevez e Fernando Llorente hanno portato a 39 i gol segnati in questa stagione: 16 sono le segnature dell'argentino (15 in campionato e una in Supercoppa) e 13 quelle del navarro (11 in campionato e 2 in Champions League); non bastasse questo, in panchina scalpita quel Pablo Daniel Osvaldo che nel 2008 ha firmato l'ultimo successo della Fiorentina a Torino e che in Europa League ha finora segnato 2 reti in altrettante partite disputate.
 
PUNTI DEBOLI:
La squalifica di Pirlo - Andrea Pirlo non sarà in campo a causa della squalifica seguita all'ammonizione rimediata domenica scorsa nella sfida contro il Milan: al suo posto ci sarà Claudio Marchisio, che fin qui non è dispiaciuto nel ruolo di perno centrale in mezzo al campo, ma è chiaro che sostituire il regista bresciano è sempre impresa ardua per tutti.

 
FIORENTINA
 PROBABILE FORMAZIONE: 1 Neto; 3 Diakitè, 2 G. Rodriguez (C), 15 Savic; 11 Cuadrado, 10 Aquilani, 7 Pizarro, 14 M. Fernandez, 66 Vargas; 72 Ilicic, 32 Matri
 
PUNTI DI FORZA:
Voglia di ripetere l'impresa dell'andata - Negli occhi di tutti i tifosi viola è ancora vivo il ricordo dell'impresa compiuta il 20 ottobre scorso, quando la Fiorentina riuscì ad infliggere alla Juventus l'unica sconfitta (almeno finora!) di questo campionato; è vero che rispetto a quel giorno mancheranno elementi del calibro di Giuseppe Rossi, mattatore al "Franchi" con la tripletta rifilata a Buffon, e Borja Valero, ma non c'è dubbio che la squadra di Montella tenterà con ogni mezzo di ripetere quel grande risultato.

Possibilità di rosicchiare qualche punto al Napoli - Vincere a Torino consentirebbe alla Fiorentina di guardare con grande interesse al confronto tra Napoli e Roma: attualmente, infatti, la squadra di Montella ha 7 punti di ritardo rispetto al Napoli terzo in classifica, pertanto una vittoria contro la Juventus e un contemporaneo passo falso della squadra di Benitez contro quella di Garcia permetterebbe ai viola di tornare prepotentemente in corsa per la zona Champions League e di giocarsi tutto nello scontro diretto contro i partenopei in programma allo stadio "San Paolo" il 23 marzo

Voglia di interrompere il digiuno di vittorie - L'ultimo successo della Fiorentina in campionato risale ad un mese fa esatto, quando i viola sconfissero in casa l'Atalanta per 2-0 grazie alle reti messe a segno da Ilicic e Wolski: ritornare al successo proprio contro la rivale più acerrima del popolo fiorentino avrebbe pertanto un sapore ancora più dolce...

Matri: l'ex con voglia di gol - Con Giuseppe Rossi fuori causa per infortunio e Mario Gomez rientrato da poco dopo il lungo stop, domani il peso dell'attacco sarà sulle spalle di Josip Ilicic e, sopratuttto, di Alessandro Matri: quest'ultimo torna per la prima volta allo Juventus Stadium da avversario e potrebbe avere il desiderio di castigare la sua ex squadra; in questo modo, magari, i tifosi viola gli perdonerebbero il gol segnato il 9 febbraio 2013 nel 2-0 con cui la Juventus regolò la loro squadra

 
PUNTI DEBOLI:
Meglio in casa che fuori -
Numeri alla mano, il rendimento della Fiorentina nelle 26 partite di campionato fin qui disputate è stato migliore in casa rispetto alle partite giocate in trasferta: tra le mura amiche del "Franchi" i viola hanno ottenuto 7 vittorie, 3 pareggi e 3 sconfitte segnando 26 gol e incassandone 18 e mantenendo una media di 1,85 punti a partita; lontano dal proprio stadio, invece, le vittorie sono state 6, i pareggi 3, le sconfitte 4, i gol segnati 19, quelli incassati 11 e la media è stata di 1,62 punti a partita.

Assenze pesantissime - La Fiorentina affronterà la Juventus con una zavorra non da poco: la contemporanea assenza dell'infortunato Giuseppe Rossi e dello squalificato Borja Valero; due assenze pesantissime per Montella, dato il valore dei due calciatori nell'economia del gioco della squadra e visto anche che si sta parlando del capocannoniere e del vice-capocannoniere della squadra.
 
COSI' ALL'ANDATA:
FIORENTINA-JUVENTUS 4-2 (primo tempo 0-2)
MARCATORI: Tevez rig. (J) al 37'pt, Pogba (J) al 40'pt, G. Rossi (F) al 21'st, al 31'st e al 36'st, Joaquìn (F) al 33'st
FIORENTINA (3-5-1-1): Neto; Roncaglia, G. Rodriguez, Savic; Cuadrado, Aquilani (Joaquìn dall'11'st), Pizarro, Ambrosini (M. Fernandez dal 23'pt), Pasqual; Borja Valero; G. Rossi (Matos dal 40'st). A disposizione: Munua, Alonso, Compper, Tomovic, Bakic, Iacovenko, Vargas, Vecino, Wolski. Allenatore: Montella
JUVENTUS (3-5-2): Buffon; Barzagli, Bonucci, Chiellini; Padoin (Motta dal 38'st), Pogba, Pirlo, Marchisio (Vidal dal 32'st), Asamoah (Giovinco dal 34'st); Tevez, Llorente. A disposizione: Storari, Rubinho, Caceres, Ogbonna, De Ceglie, Peluso, Bouy, Isla. Allenatore: Conte
ARBITRO: Rizzoli di Bologna
AMMONITI: Aquilani, Cuadrado, Savic, Tevez, Barzagli, Asamoah, Pirlo, Motta, Bonucci