Commenta per primo

Dopo l'acquisto di Bonucci, il difensore-regista dai piedi buoni da affiancare a Chiellini, la Juventus vuole mettere a segno un altro colpo di spessore per il reparto arretrato. Nel mirino di Beppe Marotta e della dirigenza c'è Philippe Mexes. Il pressing bianconero è asfissiante ma la trattativa non è semplice da portare a termine.  Il francese è in scadenza di contratto e se i giallorossi - che stanno trattando con l'Inter per acquistare a titolo definitivo Burdisso - non vogliono perderlo a parametro zero, devono cercare di monetizzare entro il 31 agosto. D'altronde il difensore è stato messo sul mercato da Claudio Ranieri, e restare nella capitale sarebbe controproducente sia per lui che per la squadra. E dall'altra parte la società della presidentessa Sensi ha bisogno di fare cassa vista la sua sempre più delicata situazione finanziaria. L'affare è più che fattibile, ma come sempre è una questione economica.

La Signora, per spendere il meno possibile - visti gli acquisti già effettuati di Pepe, Storari, Bonucci e Martinez -, sta cercando di inserire una contropartita gradita alla Roma che per il difensore chiede 10 milioni di euro. Il tecnico giallorosso ha richiesto Sissoko, che è stato pagato altrettanto. D'altronde fu proprio Ranieri a volerlo a Torino, e ora non gli dispiacerebbe averlo anche a Roma. In corso Galileo Ferraris, però, preferirebbero non privarsi del franco-maliano e in alternativa hanno proposto uno tra Poulsen e Grygera. L'ingaggio da 3,3 milioni di euro annui del danese non rientra nelle possibilità delle casse giallorosse, mentre quello del difensore ceco si sposerebbe perfettamente. Oltretutto quest'ultimo è un 'ranierano' doc. Quando il tecnico era sotto la Mole ha giocato due stagioni da titolare (55 presenze in due anni, ndr), e per il club di corso Galileo Ferraris sarebbe una plusvalenza, visto che fu acquistato dall'Ajax a parametro zero.

Su Mexes c'è da superare anche la concorrenza del Milan, in cerca di centrali di spessore e d'esperienza. Però il club capitolino non può storcere più di tanto il naso, visto che i suoi conti sono sempre più... rossi che gialli. Un primo contatto fra le due parti c'è già stato venerdì scorso a Milano: Beppe Marotta e Daniele Pradè si sono dati appuntamento nei prossimi giorni. La Juventus non intende svenarsi dopo aver comprato Bonucci e in vista della trattativa già avanzata per Motta. A quel punto, con Mexes, la difesa sarebbe praticamente a posto. Dunque i bianconeri sperano di riuscire a far abbassare le pretese al club di Rosella Sensi in tempi brevi. Peccato che la cosa sia impossibile visto che, fino a che l'affare Burdisso non si sbloccherà, Roma e Juventus non potranno affondare i colpi. Entrambi i club restano alla finestra in attesa di sviluppi. Su un fronte o sull'altro.