Tuttosport fa il punto sul mercato della Juventus in difesa. In teoria la ricerca di un nuovo centrale non è prioritaria: arriverà Caldara e saluterà Howedes. Ma nel mercato tutto può cambiare in fretta e per questo motivo da varie parti d'Europa segnalano Marotta e Paratici attivi su più tavoli. I movimenti dell'ad e del ds non sono casuali: Rugani è nel mirino di alcune big europee (Arsenal in primis) e Benatia è il regalo che Rudi Garcia, ex tecnico del marocchino ai tempi della Roma, ha chiesto alla dirigenza del Marsiglia in caso di accesso alla Champions. Marotta e Paratici sperano di trattenere entrambi confermando i quattro quinti dell'attuale pacchetto arretrato (a Chiellini e Barzagli sarà rinnovato il contratto), ma nel frattempo lavorano su un eventuale piano B. In realtà sono diversi i profili. Questione di età e di valutazioni. Si va dalla coppia difensiva dell'Atletico Madrid (Gimenez-Godin) a Alderweireld del Tottenham, passando per Koulibaly del Napoli e De Ligt dell'Ajax. 

Il 26enne senegalese e il 18enne olandese per età e potenzialità sono i due obiettivi più ambiziosi, ma pure più complicati. "Koulibaly alla Juventus? Ha raggiunto un livello tale che potrebbe giocare ovunque", ha detto nei giorni scorsi il suo agente. Il centrale di Sarri, però, non ha una clausola allegata al contratto. Lo scorso anno il Napoli ha rifiutato offerte da 60-70 milioni e sembra difficile, dopo il caso Higuain (che però la clausola ce l'aveva), che De Laurentiis accetti di sedersi al tavolo con la Juventus. Su De Ligt, invece, la concorrenza cresce: in Spagna danno il Barcellona in pole. 
E sempre dalla Liga arrivano due idee abbastanza concrete. Una è rappresentata dal 23enne uruguaiano Gimenez dell'Atletico Madrid, pallino juventino da più di un anno, e l'altra è Godin, suo connazionale e compagno di squadra. Quest'ultimo ha 32 anni e il contratto in scadenza nel 2019: può diventare il classico profilo esperto intrigante. A metà strada c'è Alderweireld: il 29enne belga è in uscita dal Tottenham. 

Situazione terzini: due vanno via (forse tre, con Alex Sandro in bilico) e altrettanti sono attesi in entrata. Nel primo caso, Lichtsteiner è in trattativa con il Borussia Dortmund che aspetta il tecnico Favre, già suo sponsor al Nizza, mentre Asamoah va verso l’Inter. Nel secondo, il punto di partenza è rappresentato dal rientro di Spinazzola dopo due anni di prestito all’Atalanta. Dopodiché il laterale più vicino alla firma è Darmian. L’ex Torino, gradito anche perché sa giocare su entrambe le fasce, non è mai entrato in grazia a Mourinho: la Juventus ha in pugno il lombardo, ma intanto tiene in caldo altri nomi ben più costosi. Per il nazionale spagnolo Bellerin, ad esempio, l’Arsenal - che l’ha già blindato per cinque stagioni - potrebbe chiedere 50 milioni, oltre il doppio dell’operazione Darmian, senza contare il pressing del Barça. Ne vale meno il 26enne belga Meunier che sta pianificando l’addio al PSG. Altri nomi sempre presenti sul taccuino Juve; Bernat (Bayern Monaco), Digne (Barcellona) e il navigato Filipe Luis (Atletico Madrid).