Allegri, ma non troppo... Le mani sul titolo e contratto in vista, però Max fa melina: "Prima di parlare del contratto si pianificherà il futuro, se non c’è condivisione uno alza la manina e se ne va. La verità è che la Juve lavora bene, però ci sono le esigenze di mercato e bisogna essere cinici e realisti". 

FIRMA IN ARRIVO - Secondo la Gazzetta dello Sport, mancano ancora gli ultimi dettagli, ma la firma arriverà. A meno di cataclismi, Allegri si legherà alla Juve fino al 2018 con uno stipendio da top (5 milioni di euro a stagione). Nella settimana post Fiorentina ci sarà l'atteso incontro: avanti insieme per andare oltre il quinto scudetto di fila. 

CALCIOMERCATO - Tuttosport scrive che l'allenatore vuole essere convinto. Firma ancora rimandata: l'accordo c'è, ma Allegri chiede il progetto del mercato. Dopo la rivoluzione della scorsa estate, il tecnico non vorrebbe ritrovarsi quest'anno senza Pogba e Morata e ripartire da zero. Il desiderio è quello di continuare il progetto tecnico perché non nasconde l’ambizione - sua e del club - di andarsi a giocare un’altra finale di Champions League. E per farlo ha bisogno che vengano riconfermati  in blocco i campioni, con l'innesto di qualche altro big. Il matrimonio fra Allegri e la Juventus è destinato a proseguire, ma il Conte Max vuole chiarezza: quest'anno ha compiuto quasi un miracolo. 

POGBA NON HA PREZZO - Sempre secondo Tuttosport, 100 milioni di euro sono pochi per Paul Pogba, autore di un gol e di un assist nel 4-0 al Palermo. Ieri il centrocampista francese ha sfiorato il gol alla Maradona (punizione a sorpresa da trequarti campo) e cannibalizzato un po' tutte le statistiche: è quello che ha creato più occasioni (4) e quello che ha tirato di più in porta (2). Devastante anche a livello fisico: ha percorso 10,098 km (di più hanno fato solo Cuadrado e Rugani; dati della Lega Serie A) e in sprint ha toccato i 31,44 km/h. Un extraterrestre. Un pezzo senza prezzo, un 23enne d’oro e da Pallone d’Oro. Altro che i 100 milioni che le superpotenze d’Europa sono pronte a calare sul tavolo di Marotta. Il Barça lo corteggia e il Real, raccontano in Spagna, sembrerebbe disposto a barattare i cartellini di Morata, Danilo e Isco. Senza contare gli assegni di Abramovich e degli sceicchi. Tanti soldi, ma non abbastanza per questo Pogba. Su Paul e Dybala la Juventus deve costruire l’obiettivo Champions. I segnali sono incoraggianti. La Juve ha già dimostrato di avere la forza economica per trattenerlo e lui, Pogba, ha lanciato svariati segnali d’amore, a partire dai baci di San Siro sulla maglia. Ieri ha preferito ballare con Cuadrado, ma la sostanza non cambia.