491
La Juve va sotto, soffre, ma rimonta e vince nel terzo turno di Champions League. Contro la Lokomotiv Mosca ci vuole un super Paulo Dybala, autore di una doppietta che annulla il gol di Miranchuk, per avere la meglio sulla formazione russa e rilanciarsi in vetta alla classifica del gruppo D. Una vittoria che, in caso di successo a Mosca nel prossimo turno, garantirebbe l'accesso aritmetico agli ottavi di finale.

La Juve parte male, non ha distanze e riferimenti e del bel gioco chiesto da Sarri c’è poca traccia, anzi è la Lokomotiv Mosca a sembrare più in palla con Joao Mario, Miranchuk ed Eder che non danno riferimenti e mettono in difficoltà il centrocampo bianconero. Il primo lampo arriva al 20esimo con Ronaldo che si divora l’1-0 da due passi. Gol sbagliato gol subito e al 30esimo la Lokomotiv passa con Miranchuk che ribatte in rete la conclusione di Joao Mario parata da Szczesny. La Juventus non si scuote e il gol annullato a Dybala per fallo di Ronaldo sul portiere è solo un lampo nel buio.

Nella ripresa il copione non cambia, la Juve fatica, e la Lokomotiv prova a far male in contropiede con uno Joao Mario ispiratissimo. La gara sembra indirizzata ma è con i cambi e con l’ingresso in campo di Higuain che Maurizio Sarri cambia l’inerzia del match. Prima il pipita sfiora il gol e poi è Paulo Dybala a mettersi in proprio prima trovando un autentico gioiello a giro dal limite dell’aria per l’1-1 e poi è il più lesto a ribattere in rete per il 2-1 il tiro dalla distanza parato di Alex Sandro. La Lokomotiv non reagisce più e per i bianconeri la settima vittoria consecutiva vuole dire aggancio all’Atletico in vetta alla classifica e pass per gli ottavi che diventerà automatico in caso di vittoria a Mosca nel prossimo turno.


A FINE PARTITA RESTA SU CALCIOMERCATO.COM PER LEGGERE L'APPROFONDIMENTO DI GIANCARLO PADOVAN PER 100ESIMO MINUTO.​