Commenta per primo
Il giorno dopo l'ufficialità del suo addio alla Sampdoria, l'ormai ex direttore generale blucerchiato Beppe Marotta parla in conferenza stampa della sua decisione e si proietta sul suo futuro, targato Juventus. Addio Samp. "Ci sono stati segnali che mi hanno portato a capire che la mia permanenza era al termine - spiega Marotta -. La mia è una scelta dettata da decisioni personali. Cassano? Non c'è stato un caso Cassano, la mia è stata con lui un'esperienza assolutamente positiva. L'esclusione di gennaio lo ripeto è stata solo ed unicamente di carattere tecnico e mi ha fatto piacere ascoltare l' intervista in cui il giocatore ha detto che Del Neri aveva ragione. Il nostro è un rapporto di cordialità dopo aver passato delle turbolenze. Vorrei che fosse chiaro che con la società in questo mese non eravamo separati in casa, tutto è avvenuto soprattutto a livello mediatico". "Mi auguro sia un arrivederci e non un addio - ha aggiunto il dirigente -. Dopo otto anni è giusto guardarsi in faccia ed è normale che ci fosse un abbassamento della soglia delle motivazioni e che la proprietà avesse voglia di cambiare. Mi sarei fermato comunque, anche se non mi avesse chiamato la Juventus mi sarei preso un anno sabbatico". Capitolo Juventus. "Per correttezza posso dire che non ho ancora firmato ma che lo farò tra mercoledì e giovedì - precisa Marotta -. Oggi riparto. La Juventus è in una situazione non consona al suo blasone. Non ho la bacchetta magica ma c'è un presidente giovane e mi auguro un rilancio dal punto di vista sportivo. Una Juve da rifondare dunque? Rifondare è una parola forte, da ricompattare direi. Del Neri? Esula dal mio arrivo a Torino. È normale che una squadra che vuole puntare in alto cercasse il meglio e Del Neri è additato come uno dei migliori. Di certo non avrei mai voluto fare uno sgarbo alla Sampdoria. Vorrei che fosse chiaro che la Juventus non è solo Marotta". Infine, sui giocatori: "Credo che quando uno se ne va in casi come questi bisogni portar via il minor numero di risorse possibili . Per questo andando a Torino ho voluto portar via il minimo indispensabile, solo un collaboratore. Posso dire che sul fronte giocatori non sarà fatta la minima azione di disturbo per creare problemi alla Sampdoria. Sarà poi la Samp a fare le proprie valutazioni è giusto che venga difeso quanto abbiamo fatto. Sarà la famiglia Garrone poi a fare valutazioni economiche".