705
Vince la Juve. Soffre, ma vince. E lo fa grazie a Paulo Dybala, entrato dalla panchina al posto di un contrariato Ronaldo: scambio con Higuain, dribbling secco su Romagnoli, destro velenoso che buca Donnarumma. La vince così, Maurizio Sarri, su un buon Milan, più pericoloso dei bianconeri ma che esce ancora una volta sconfitto dall'Allianz Stadium. 

Sarri lascia la Joya in panchina, Pioli punta ancora su Piatek. Ed è il polacco a divorarsi una grande occasione: da solo in area, spreca di testa. La Juve è uno squillo di Higuain, mentre i rossoneri si fanno vedere con Paquetà, Theo Hernandez e Calhanoglu. Ed è così anche nel secondo tempo, poi i cambi che... cambiano: dentro Douglas Costa e Dybala, fuori Bernardeschi e Ronaldo, e i due subentrati confezionano, con Higuain, il gol vittoria. Per Dybala è il settimo gol contro i rossoneri, vittime preferite. E ne sfiora un altro nel finale, ma Donnarumma si supera. Juve prima, Inter seconda. Milan quattordicesimo e ancora ko, ma a testa alta.