1039
Juventus-Milan è il secondo anticipo della 31esima giornata di Serie A: fischio d'inizio alle 18, arbitra Michael Fabbri della sezione di Ravenna, di seguito gli episodi da moviola.

h. 18.00 JUVENTUS-MILAN - Fabbri (assistenti Ranghetti-Del Giovane, IV La Penna, Var Calvarese, Avar, Tolfo)

SECONDO TEMPO

87' - Altre proteste Milan: Mandzukic scalcia in area Romagnoli dopo gli sviluppi di una mischia, Fabbri lascia correre.

84' - Regolare il gol della Juventus: Kean è in posizione regolare sul passaggio di Pjanic.

79' - Il Milan invoca un altro rigore: Mandzukic trattiene in area Castillejo che cade, per Fabbri tutto regolare e il VAR non interviene. Proteste rossonere.

75' - Segna la Juventus con Kean su sviluppi di un corner, ma l'arbitro ferma tutto per fallo in attacco dei bianconeri: chiamata dubbia.

59' - Rigore per la Juventus: Musacchio abbatte in area Dybala, Fabbri assegna subito correttamente il penalty e il VAR conferma. Giallo al difensore del Milan.

PRIMO TEMPO

39' - Regolare il gol del Milan: Piatek parte in posizione regolare sull'assist di Bakayoko.

37' - Il Milan invoca un rigore: cross dalla destra di Calabria, il pallone sbatte sul braccio di Alex Sandro in scivolata. Dal VAR Calvarese e Tolfo richiamano Fabbri che, dopo aver visto le immagini, non assegna il penalty. Proteste dei rossoneri, il braccio del terzino brasiliano era staccato dal corpo.

15' - Romagnoli stende Mandzukic al limite dell'area di rigore, Fabbri prima assegna la punizione alla Juventus e poi rivede la propria decisione, segnalando il fuorigioco dell'attaccante bianconero. Proteste Juve perché il pallone arriva dopo un tocco di Calhanoglu.