961
La firma del campione, il raddoppio a tempo scaduto. Un gol di Cristiano Ronaldo al 64' e il 2-0 di Morata al 95' regalano alla Juventus il successo contro il Napoli e la nona Supercoppa italiana della storia. Un guizzo, a metà del secondo tempo, un tocco sottoporta dopo una deviazione fortuita di Bakayoko su azione d'angolo, il gol numero 32 nelle ultime 32 partite in bianconero. La firma di uno dei giocatori più attesi, come lo era Insigne, che calcia fuori il rigore del possibile pareggio (in carriera ha sbagliato tre rigori contro la Juve), concesso per fallo di Mckennie su Mertens, segnalato del Var.

Due episodi, uno per parte, che hanno fatto la differenza, in un match avaro di emozioni, nel quale il Napoli gioca meglio il primo tempo, va vicino al gol del vantaggio (Szczesny​ super su Lozano) e sfiora il pareggio nel finale, quando ancora il portiere polacco si supera sul messicano. All'ultimo squillo Morata manda i titoli di coda. Vince la Juve, piange il Napoli (e Insigne).

ALLA FINE DELLA PARTITA RESTATE SU CALCIOMERCATO.COM PER LEGGERE IL COMMENTO DI GIANCARLO PADOVAN