1088
Un altro passo falso. L'obiettivo era ripetersi in campionato, dopo la bella vittoria nell'esordio in Champions a Kiev, e iniziare a risalire posizioni: invece la Juventus di Andrea Pirlo non offre una convincente risposta in Serie A, dopo il deludente pareggio di Crotone, e si ferma ancora, impattando per 1-1 nella sfida delle 20.45 all'Allianz Stadium, valida per il posticipo della quinta giornata, contro il Verona di Ivan Juric, che non ha mai vinto a Torino nella storia: segnano Favilli, in gol da subentrato e costretto ad uscire dopo 5' per infortunio, e Kulusevski, anche lui entrato dalla panchina. I bianconeri, che hanno totalizzato finora 9 punti con due vittorie (una a tavolino col Napoli) e tre pari, non trovano i tre punti per accorciare momentaneamente dal Milan capolista e portarsi a meno 1 dalla vetta: per farlo, vista l'assenza di Cristiano Ronaldo, ancora fuori perché positivo al Covid, Pirlo si affida ancora ad Alvaro Morata, tre gol nelle ultime due gare, e al rientrante dal 1' Paulo Dybala, che ha superato i problemi fisici e il malcontento, ma nessuno dei due va in gol Di fronte l'Hellas, autentica sorpresa della passata stagione e sempre rivale scomodo, distanziata di solo un punto. Dybala, Kalinic e Bernardeschi partono dal 1'. Nel primo tempo clamorosa traversa di Cuadrado, poi rete in pallonetto di Morata su assist di Cuadrado, annullata per offside come a Crotone. Favilli entra, segna ed esce per infortunio dopo 5'. Poi dentro anche Kulusevski: prima arriva la traversa di Dybala, poi il pari dello svedese.​


A FINE PARTITA RESTA SU CALCIOMERCATO.COM PER L'APPROFONDIMENTO DI 100° MINUTO CON GIAN PAOLO ORMEZZANO.