151
L'oro del centrocampo del Milan. Franck Kessie sta disputando la migliore stagione di tutta la sua carriera, è l'unico elemento insostituibile nella mediana rossonera e uno dei pochi calciatori finora non penalizzati da infortuni o problemi legati al Coronavirus: la prestazione di Verona di ieri ha certificato che l'ivoriano è diventato uno dei leader anche dal punto di vista comportamentale e non soltanto tattico, fatto testimoniato dalla grande capacità di prendersi la squadra sulle spalle, in assenza delle personalità più importanti. Tantissimi palloni recuperati, pochissimi persi, grande voglia di proporsi in fase offensiva: un Kessie capace di "cantare e portare la croce."

LA SVOLTA CON PIOLI E IL CENTROCAMPO A 2: 9 GOL FINORA... - Miglior stagione anche dal punto di vista realizzativo, a un solo gol dalla doppia cifra, con ancora dodici partite da giocare: nove le reti messe a referto finora, di cui otto su calcio di rigore e una su azione all'andata contro l'Udinese. Con l'arrivo di Stefano Pioli c'è stato il cambio di passo da parte del classe 1996: il tecnico all'inizio sembrava incompatibile con il carattere focoso e la personalità dell'ex Atalanta. Poi la pace e l'inizio di una nuova avventura in maglia rossonera: Kessie insostituibile come nella prima parte della sua esperienza, ma molto più importante dal punto di vista tecnico, anche favorito dal passaggio al centrocampo a due con il "gemello" Bennacer.

LA NUOVA VITA DA MEDIANO, ORA VA BLINDATO DALLE BIG D'EUROPA: IL RINNOVO... - Da mediano davanti alla difesa ha infatti dimostrato di sentirsi più a suo agio piuttosto che da incursore nel centrocampo a tre, e soprattutto spreca meno energie rispetto a quando, per favorire Suso, doveva correre avanti e indietro senza lesinare inserimenti spesso privi di efficacia Un interprete assolutamente insostituibile e da blindare dagli assalti delle big d'Europa: come vi abbiamo raccontato negli scorsi giorni, Gazidis ha dato mandato a Maldini e Massara di portare avanti la trattativa per prolungamento contrattuale, in scadenza nel 2022, quindi tra solo un anno: ci sono già stati alcuni contatti con l'agente, l'idea è di offrire un adeguamento dell'ingaggio dagli attuali 2,2 milioni a 3 netti più bonus a stagione, puntando anche sulla volontà del 24enne di restare
SCADENZA NEL 2022, EVITARE NUOVI CASI DONNARUMMA-CALHANOGLU - Muoversi in anticipo, per evitare altri casi simili a Donnarumma e Calhanoglu, ma soprattutto per togliere dal mercato un pezzo da novanta ambito da diversi club europei, viste anche le condizioni favorevoli per accaparrarselo, al momento: diversi club di Premier League e di Liga sono alla finestra per verificare come si evolverà la situazione con il Milan. Che deve difendere la sua pepita.

@AleDigio89