166
La Juve insiste, ma Sami Khedira non molla. Il centrocampista tedesco ormai da tempo è ritenuto fuori dal progetto bianconero, anche a lui è stata comunicata questa decisione come in precedenza fatto con Gonzalo Higuain. La grande differenza è che mentre anche il Pipita si sentiva ormai giunto al capolinea per mille motivi, Khedira invece di andarsene non ha mai avuto voglia. Vuole restare, vuole provare a convincere anche Andrea Pirlo, vuole rispettare il contratto. Ma alla fine sembra proprio che pure lui dovrà alzare bandiera bianca. D'altronde lo stesso tecnico bianconero ancora dopo la partita con la Sampdoria ha dichiarato come i centrocampisti a sua disposizione siano quattro, non cinque.

LA SITUAZIONE – La Juve ha alzato la propria offerta, avvicinandola sensibilmente a metà dell'ingaggio relativo all'ultima stagione: 2,5 milioni netti sui 6 previsti dal contratto, in scadenza al 30 giugno 2021. Da discutere poi anche le commissioni agli agenti, 850 mila euro nel caso in cui Khedira restasse questa stagione. Mentre la richiesta del tedesco, inizialmente ancorata sul 100%, ora sembra potersi abbassare ma non troppo, strettamente vincolata a quello che il mercato potrà offrire per voltare pagine.
IL FUTURO – Intanto si sonda il mercato. La speranza di Khedira è di restare nel calcio che conta, ci sono stati contatti addirittura con l'Inter, probabilmente legati all'eventuale arrivo di Max Allegri poi tramontato, anche per questo resta sullo sfondo ora l'ipotesi Roma. Più concreti i sondaggi di Psg e Manchester United, ma non ancora particolarmente caldi. Almeno quanto le proposte arrivate dall'altro calcio: Mls, Qatar. A metà strada, la Turchia. Fin qui solo dei no da parte di Khedira. Ma posto alla Juve non ce n'è più, quindi si tratta.