67
E' il Milan di Zlatan Ibrahimovic, innegabile come il ritorno dello svedese abbia dato il salto di mentalità che serviva a un gruppo giovane. Ma non solo: è anche il Milan di Simon Kjaer. Dallo stesso Ibra a Pioli, dai compagni di spogliatoio fino a Maldini e Massara, tutti hanno sottolineato l'importanza del danese nella svolta che i rossoneri hanno vissuto dal post-lockdown in avanti. Stacanovista (in questa stagione sempre titolare, ha riposato solo venti minuti nella prima di campionato contro il Bologna) e punto fermo di una difesa che dall'inizio della stagione vive in emergenza tra l'infortunio di Romagnoli e le positività al Covid di Gabbia e Duarte, l'ex Siviglia si è imposto come uno dei migliori acquisti dell'ultimo anno (solo 3,5 milioni di euro per riscattarlo dagli andalusi) e come vero e proprio leader aggiunto in campo.

RUOLO E FUTURO - Insomma, un 'Ibrahimovic della difesa' per inquadrare l'incisività di Kjaer in campo e all'interno dello spogliatoio. Una guida sì, ma anche un mentore capace di livellare verso l'alto le prestazioni dei compagni di reparto: Romagnoli nella seconda parte dello scorso campionato, ma anche Gabbia nelle prime battute del 2020/21 ha beneficiato dei consigli dell'esperto centrale. Questo ruolo di 'chioccia' piace e non poco a Pioli e alla dirigenza milanista, anche in vista dei prossimi acquisti che Maldini e Massara intendono perfezionare: non è mistero che tra gennaio e la prossima estate il Milan voglia rinforzarsi con due nuovi difensori centrali, con il nome di Kabak forte per l'immediato e quello di Lovato per il prossimo anno, l'idea di avere una figura di carisma ed esperienza come Kjaer per accompagnare l'inserimento e la maturazione dei nuovi innesti stuzzica parecchio e per questo  rossoneri cominciano anche a fare qualche pensiero per il futuro. Senza fretta, perché il contratto del danese scade nel 2022 e non pone alla questione urgenza come per altre situazioni (rinnovi Donnarumma e Calhanoglu), ma il Milan valuterà nel corso della stagione le condizioni atletiche del 31enne e non è escluso che nei prossimi mesi le parti possano anche valutare l'opzione di prolungare ulteriormente la sua permanenza a Milanello. Kjaer leader e chioccia a un prezzo contenuto (ingaggio poco superiore al milione), una figura che il Milan non vuole farsi scappare.
@Albri_Fede90