1

Chi ha seguito gli Europei dell'Under 21 lo ha sicuramente sentito nominare, così come chi segue le trattative di questo mercato estivo, si tratta di Dawid Kownachi polacco classe 1997. L'attaccante in forza al Lech Poznan è stato uno degli osservati speciali degli Europei in corso in Polonia, nei quali è stato uno dei migliori della nazionale di casa, nonostante una prematura eliminazione. Contro Inghilterra, Slovacchia e Svezia si è confermato uno dei giovani più promettenti del calcio polacco, meritandosi  il paragone con Lewandowski, cresciuto anche lui nel Lech Poznan.

CHI E'- Nasce a Gorzow Wielkopolski cittadina che dista circa 150 km dalla più conosciuta Poznan e gioca a calcio fin da piccolissimo. A 8 anni viene acquistato dai kolejorz (soprannome con il quale viene indicato il Lech, propriamente “ferrovieri”), a 16 anni fa il suo debutto in prima squadra, più precisamente il 6 dicembre 2013 contro il Wisla Cracovia, data che si è fatto tatuare sul braccio sinistro. Nel 2015 vince l'Ekstraklasa con il Lech e segna un gol in Europa League contro la Fiorentina suscitando l'interesse proprio dei Viola che nell'ultimo mercato invernale hanno tentato di portarlo a Firenze. L'anno scorso la sua scalata al successo ha subito una battuta d'arresto a causa di alcuni infortuni, che iniziano con una commozione cerebrale seguita da una rottura al legamento del ginocchio che, fortunatamente, sono però stati risolti velocemente e Kownacki ha quindi potuto riprendere la propria corsa. E' il classico ragazzo della porta accanto, oltre alle sue capacità sottoporta, come dimostrano i 12 gol e 3 assist in 33 presenze, è determinato e ha anche un animo romantico. Mantiene una visione limpida delle sue priorità di vita, rispettivamente il calcio e l'amore per la mamma e la fidanzata Alexandra.

EREDE DI SCHICK - L'interesse della Sampdoria nei suoi confronti è forte, al momento manca ancora l'accordo tra le parti ma i blucerchiati stanno facendo tutto il possibile per averlo come sostituto di Schickche ha scelto la Juventus. Se la trattativa andasse a buon fine sarebbe un buon investimento, la richiesta iniziale del Lech Poznan è di 5 milioni mentre quella della Sampdoria è di 3, si tratta per chiudere a metà strada. Cifra equa considerando la qualità, la tecnica, la velocità e il fiuto del gol. Ha infatti una media gol-minuti giocati di uno ogni 150.

CUORE DI MAMMA - La mamma Aneta gioca un ruolo fondamentale nella sua vita. Fu proprio lei, qualche anno fa, ha dire no al Bayern Monaco, rispondendo che il ragazzo doveva prima pensare a completare gli studi. Il legame con la madre è forte, talmente forte che un bel giorno Kownacki decise di recarsi dall'amico e tatuatore Maciej con una 
richiesta particolare: niente draghi, teschi o tribali ma il viso di sua mamma all'altezza del cuore. Per lui i tatuaggi devono avere un significato speciale altrimenti meglio non averne, l'ennesima dimostrazione di quanto speciale sia il rapporto con lei.