Commenta per primo
C’é ancora posto per Lionel Messi nel grande calcio europeo? Le ultime stagioni costellate più di delusioni che di gioie e soprattutto uno stipendio faraonico al quale la Pulce argentina non pare disposto a rinunciare malgrado l’evidente crisi di liquidità imposta dal coronavirus sembrerebbero suggerire una risposta negativa a questa domanda.
 
Certo, il talento di Leo non si discute e di sicuro farebbe la fortuna di qualsiasi club. Tuttavia le sue richieste, non solo economiche, potrebbero rivelarsi un boomerang, sbarrandogli la strada verso nuovi orizzonti di gloria. Partendo da questi presupposti c’è chi pensa (e spera) che il futuro prossimo del sei volte Pallone d’Oro possa essere lontano dal Vecchio Continente. Un’ipotesi di non semplice realizzazione ma neppure del tutto impossibile, conoscendo le dinamiche a volte assolutamente imprevedibili che contraddistinguono il calciomercato.
 
L’eventualità di vedere Messi salutare l’Europa per confrontarsi con un altro calcio è un’idea a cui da tempo sta lavorando sottotraccia il procuratore italiano Alessio Sundas, toscano di nascita ma ormai da qualche anno trapiantatosi in Florida. E proprio negli States l’agente Fifa vorrebbe far traslocare il quasi 34enne di Rosario: “Io e la mia agenzia, l’American Group Sport Management - racconta Sundas - siamo in contatto con le varie franchigie che partecipano alla MLS per proporre loro l’opportunità di tesserare questo straordinario campione. E l’idea, per quanto complessa, sta ovviamente sollecitando la loro fantasia. Già a partire dal 2018 la mia agenzia ha del resto intrapreso un fitto scambio di mail con il Barcellona per capire le reali possibilità di trasferire Messi altrove. Finora non se n’è mai fatto nulla, anche perché le difficoltà non mancano. Ma se ci fosse anche solo uno spiraglio noi saremo pronti per provare a sfruttarlo. E i club americani saprebbero di certo fare altrettanto”.
 
Dopo i grandi colpi del passato, da David Beckham a Zlatan Ibrahimovic, chissà che ora non possa toccare a Messi diventare l’uomo-copertina di un movimento in grande ascesa come quello del soccer a stelle e strisce.